Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Colline del Fiora: il sindaco di Pitigliano eletto presidente dell’unione dei comuni

PITIGLIANO – Pierluigi Camilli è il nuovo presidente dell’Unione dei Comuni Colline del Fiora, comprendente i comuni di Manciano, Pitigliano e Sorano.

Il sindaco pitiglianese è stato eletto all’unanimità succedendo a Pierandrea Vanni, sindaco di Sorano, secondo il principio della rotazione interna dei tre comuni. Camilli si è detto onorato per l’incarico e sicuro di continuare l’opera intrapresa dai suoi predecessori: “Adesso si pone il problema di far fare all’Unione un salto di qualità. I cittadini non sanno bene cosa sia l’Unione, vista ancora come organo legato alla vecchia Comunità montana, bisognerà rivoluzionare l’ente”.

L’Unione dei Comuni può essere considerata, in base alle leggi attuali, il vero strumento del futuro grazie alle funzioni associate, e alle fusioni. “Putroppo – continua Camilli – noi siamo penalizzati dal fatto di essere soltanto tre comuni poichè, in un’ottica che vede la scoparsa delle province, queste unioni credo peseranno molto quando si dovrà discutere a livello regionale e oltre, l’idea è quella di aprire anche ad altri comuni per creare un’unità territoriale credibile”. Attualmente l’Unione dei Comuni Colline del Fiora copre alcuni servizi sociali, la protezione civile e alcune funzioni operative. Siamo di fronte a un passaggio molto importante per dare un ruolo e un’autorevolezza all’Unione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.