Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una scuola di canto speciale: parte a Grosseto il corso per i coristi di parrocchia

Più informazioni su

GROSSETO – “Chi canta prega due volte”, diceva sant’Agostino. E nella storia della Chiesa il canto liturgico è da sempre uno strumento prezioso per aiutare i credenti a vivere in pienezza la preghiera. Anche nella diocesi di Grosseto esistono già belle esperienze di cori e corali parrocchiali ed è per accrescere e rafforzare questo patrimonio di fede e di competenze che la scuola di musica “Chelli” ha dato inizio al primo corso pilota di formazione di base per coristi e direttori di cori parrocchiali, della durata di dieci ore distribuite in cinque incontri (il lunedì sera nei locali del seminario di via Ferrucci) da due ore ciascuno. Gli aderenti sono già una trentina: tre direttori di coro e il resto coristi, desiderosi di acquisire ulteriori competenze.

Tre gli ambiti di apprendimento: tecnica ed espressione vocale (fisiologia della respirazione, controllo dell’emissione vocale, tecniche vocali); repertorio liturgico; formazione musicale (notazione musicale, modo maggiore e minore, il canto gregoriano) per consentire ai corsisti di appropriarsi di competenze sempre maggiori nella lettura della musica e nella scelta del repertorio musicale più adatto alle varie celebrazioni liturgiche. Il corsisti possono fare affidamento sulla professoressa Sandra Biagioni e su Luca Bernazzani, responsabile diocesano musica sacra.

“Si tratta di un corso pilota – spiega la direttrice della scuola di musica, Maria Grazia Bianchi – certamente non esaustivo, ma che rappresenta il primo passo di un percorso volto a verificare se nelle nostre realtà parrocchiali vi fosse l’esigenza di approfondire la dimensione del canto e della musica. La risposta è stata molto incoraggiante e l’esperienza si sta rivelando davvero bella ed arricchente per tutti”.

Sempre all’interno delle molteplici attività della scuola di musica, ha preso avvio anche il corso di organo: è un corso speciale che si affianca agli altri corsi strumentali e vocali. Il docente è Guido Morini, organista e clavicembalista con alle spalle un’intensa attività concertistica, che fin da ragazzo lo ha portato a collaborare con grandi musicisti italiani ed europei e ad incidere oltre 70 dischi. Nel 1984 con il tenore Marco Beasley ha fondato l’ensemble Accordone, con cui sperimenta nuove strade interpretative della musica italiana del XVII secolo. La sua prima passione resta, comunque, l’organo con cui si esibisce soprattutto nel repertorio barocco.

“Questo corso rappresenta una novità per il nostro territorio – spiega Maria Grazia Bianchi – E’ rivolto a chi vuol iniziare un percorso di studio di questo strumento, ma anche a chi vuole perfezionarsi avvalendosi dell’eccezionale competenza del maestro Morini”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.