Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Girls’ Day: le studentesse a casa delle imprenditrici per vedere come vivono e lavorano foto

di Barbara Farnetani

GROSSETO – Si intitola “Girls’ Day” ed è il modo che Camera di commercio, Coap, Cif, Comitato imprenditoria femminile e Scuola hanno scelto per far entrare non l’impresa a scuola, ma le studentesse nella vita delle imprenditrici. L’accordo di questo progetto insolito e innovativo è, dopo una prima parte dedicata a tutti, maschi e femmine, di scegliere coppie di studentesse che andranno a vedere come vive (si come vive, non solo come lavora) una imprenditrice. Le studentesse arriveranno a casa dell’imprenditrice la mattina e assisteranno alla colazione, ad accompagnare i bambini a scuola, poi andranno al lavoro con lei, concedendosi anche le eventuali pause relax (se ce ne sono) fino a sera, all’ora di cena.

«Vogliamo dimostrare che nonostante le donne italiane abbiano meno supporto come asili nido o condivisione del carico familiare – afferma Michela Hublitz presidente di donne impresa Confartigianato – ce la possiamo fare a portare avanti i nostri progetti». «Il Cif – ricorda la vicepresidente della Camera di commercio Carla Palmieri – è nato a luglio del 2013 per promuovere l’impresa femminile. Ad oggi il 33% delle imprese è gestito da donne, si riesce a coprire tutto il comparto territoriale, dall’artigianato, al commercio, alla pesca. A questo progetto hanno aderito sei istituzioni scolastiche: Liceo Rosmini, Polo Bianciardi, Liceo Pietro Aldi, Istituto Manetti, Istituto Leopoldo II di Lorena, Istituto Fossombroni».

«Il progetto – precisa Roberta Biondi presidente Cif – si svolgerà in tre fasi: domani i primi interventi nelle scuole, per spiegare cosa vuol dire essere imprenditrice oggi, poi partiranno gli stage, con le ragazze sempre in coppia. Il tutto si concluderà il 12 marzo». Luca Bilotti, direttore operativo Coap puntualizza: «Girls’ Day sviluppa temi a noi cari sull’alternanza scuola lavoro. Ci siamo calati nel mondo dei ragazzi di oggi, per capire come meglio veicolare questo messaggio, attraverso i social media. Le alunne selezionate avranno un periodo di formazione pregressa prima dell’ingresso in azienda». Oggi presso la Camera di commercio la firma del protocollo d’intesa con le scuole.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.