Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Adriana Asti agli Industri per i monologhi che Jean Cocteau scrisse per Edith Piaf

Più informazioni su

GROSSETO – Due monologhi scritti da Jean Cocteau per Edith Piaf: ‘La voce umana’ e ‘Il bell’indifferente’ sono le due opere messe in scena da Adriana Asti il prossimo mercoledì 5 febbraio alle 21 al teatro degli Industri di via Mazzini a Grosseto. La grande attrice italiana interpresta due donne senza nome, racconta due storie diverse unite dal comune denominatore della sofferenza femminile. L’appuntamento è promosso nell’ambito della stagione teatrale del Comune di Grosseto e di Fondazione Toscana Spettacolo.

LA VOCE UMANA/IL BELL’INDIFFERENTE di Jean Cocteau regia Benoît Jacquot con Adriana Asti e con Mauro Conte scene Roberto Plate costumi Nicoletta Ercole e Christian Gasc luci Jacques Rouveyrollis scene realizzate dal laboratorio di scenotecnica e pittura del Festival dei 2 Mondi di Spoleto

Lo spettacolo: Cosa prova una donna quando un amore finisce? Quanto dolore e rassegnazione possono scaturire da una sola telefonata? E ancora: che vuol dire per una donna vivere insieme ad un uomo per il quale sei solamente una parte dell’arredamento? Queste sono le domande che si è posto Jean Cocteau quando scrisse per Edith Piaf i due monologhi che la grande Adriana Asti va a mettere in scena: due donne senza nome, due storie diverse unite dal comune denominatore della sofferenza femminile. La scena è scarna: giusto un angolo arredato che la nudità del retropalco spia dall’oscurità, l’attrice si muove in questo frammento spartano, senza urlare, senza scomporsi, solo dialogando inerme con l’amato che, dall’altra parte del telefono, non ricambia…una discesa dal palco, un cambio scena a vista e si passa al secondo monologo: stavolta non è sola sul palco, ma la presenza maschile si fissa in un’immobilità statuare che fa sprofondare la protagonista in un abisso di solitudine. Ancora più profondo.

Biglietti: I biglietti sono disponibili in prevendita sul sito web del Comune di Grosseto all’indirizzo www.comune.grosseto.it o attraverso il box office ai siti www.boxol.it e www.boxofficetoscana.it. Sono inoltre disponibili fino a martedì 4 febbraio presso le rivendite autorizzate nella provincia di Grosseto.

Informazioni: mail promozione.cultura@comune.grosseto.it Tel. 334.1030779 – 0564488794 – 0564488060

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.