Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rosini e Buzzetti: Il centro storico sta morendo, chi lo abita privilegiato, non sia egoista

Più informazioni su

GROSSETO – «Se non si faranno in tempi rapidi delle scelte coraggiose il centro della nostra città si trasformerà in un deserto, con tutto quello che ne consegue». A parlare sono i due consiglieri Pd Davide Buzzetti e Stefano Rosini. «Serve ridiscutere una volta per tutte la strategia del centro soprattutto per quel che riguarda la sua vocazione: deve essere un dormitorio e un sito di investimenti immobiliari dove i residenti possano posteggiare sotto casa oppure è più utile a tutta la città che sia un luogo strategico dove incontrarsi, conoscersi, divertirsi, il fiore all’occhiello di una comunità attiva che ha voglia di vivere?»

«Noi siamo evidentemente convinti della seconda ipotesi, per questo vanno di conseguenza rivisti gli orari serali per le manifestazioni culturali e musicali – proseguono i due consiglieri Pd -, e non si tratta di essere a favore del rumore o approvare il disturbo della quiete pubblica, noi siamo contro il “pubblico silenzio”. Perché il silenzio fa male e deprime un’intera comunità, perché il silenzio può rendere insonni come il rumore. E quasi mai la musica è “rumore”. Se si affonda il centro storico nel silenzio una città intera muore».

«Inoltre andrebbe finalmente avviata in via sperimentale la pedonalizzazione del centro storico il sabato e la domenica. Le vie del centro storico appartengono a tutti, sono patrimonio di una città: salotto, biglietto da visita, cartina di tornasole dell’umore e della vivacità di una comunità. Pertanto chiunque le abiti ha il compito di renderle vive e di mostrarle con orgoglio ai visitatori. Il riposo è sacro. Ma lo sono anche le scelte. Chi ha scelto di vivere nel cuore della città ha il privilegio di abitarle ogni giorno della sua vita. Chi non ne ha avuto la possibilità ha solo poche occasioni per viversi quei luoghi. Non bisogna mai essere egoisti e avere rispetto delle regole – concludono Rosini e Buzzetti -. Ma le regole non dovrebbero mai privilegiare chi è nato già privilegiato».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.