Sel: concluso il congresso regionale. «Lavoreremo per unità del centrosinistra»

Più informazioni su

PRATO – Si è concluso oggi, intorno alle ore 16,30, a Prato, il congresso regionale toscano di Sinistra Ecologia e Libertà, ultimo appuntamento nei territori prima del congresso nazionale che sarà celebrato il prossimo fine settimana a Riccione.

Durante i due giorni di dibattito, ai quali hanno preso parte i delegati delle federazioni provinciali, sono state discusse le linee politiche generali che orienteranno l’attività del partito in vista delle prossime scadenze elettorali, e sono stati rinnovati gli organismi regionali del partito.

Sanità pubblica, lotta alla povertà, messa in sicurezza del territorio, risorse per attuare nuove politiche industriali sono le priorità individuate nel documento finale, in cui è stata definita anche la collocazione di SEL all’interno del centrosinistra. “E’ il momento di dimostrare una vera, tangibile utilità politica e sociale di SEL – si legge – e su questo terreno competere per costruire una sinistra moderna, più grande, popolare, utile: esattamente quel partito che in Italia non c’è. Continueremo a tessere la tela dell’unità del centrosinistra, ma esercitando la nostra autonomia e rafforzando la nostra identità politica, sapendo che le coalizioni non sono un dogma, ma uno spazio di libertà condivisa e di pari dignità”.

“Dinanzi ad un Pd travolto dalle tentazioni del populismo semplicistico renziano – prosegue il documento – spetta a noi l’onere di farci carico di ricostruire connessioni e unità tra i cittadini e la politica, restituendole il suo valore più alto”. E, in vista delle prossime elezioni europee “essere radicalmente europeisti”, puntando a costruire “tutta un’altra Europa, con un Parlamento che finalmente conti di più, la cancellazione del fiscal compact e l’introduzione di un social compact”. Il documento è stato approvato a larghissima maggioranza dall’assemblea, unitamente

Oltre ai delegati per il congresso nazionale, l’assise toscana ha provveduto ad eleggere anche i 68 membri della nuova assemblea regionale, alla quale spetterà il compito, nelle prossime settimane, di designare il nuovo coordinatore toscano.

Più informazioni su

Commenti