La Maremma delle bombe, anche il 2013 si aprì con un disinnesco

di Barbara Farnetani

PAGANICO – Esattamente come un anno fa il Genio Pontieri di Piacenza è di nuovo in Maremma per disinnescare un ordigno bellico. Era il 4 gennaio 2012, domenica, quando gli artificieri dell’esercito giunsero in Maremma, a Pitigliano per la precisione, per disinnescare una bomba d’aereo da mille libbre, il doppio di quella di Paganico. Come un anno fa, il primo impegno dell’anno del Genio Pontieri è stato in provincia di Grosseto.

Ma in Maremma gli artificieri sono tornati diverse volte nel corso dell’anno, il il 17 aprile per una bomba da 500 libbre in località Porto Santo Stefano nel comune di Monte Argentario e infine una bomba sempre da 500 libbre il 19 maggio nel comune di Massa Marittima. Qualche anno fa, invece, furono chiamati per più di una volta in pieno centro, a Grosseto, subito oltre la stazione, per disinnescarne addirittura tre di bombe, rinvenute durante al costruzione di un palazzo dietro via Etruria.

 

Commenti