Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lega Pro: Grosseto-Barletta 0-0. Biancorossi spreconi, stoppati da Liverani

di Lorenzo Falconi

GROSSETO – Continua a soffrire le squadre di bassa classifica il Grosseto che non va oltre lo 0-0 contro il Barletta. Il merito però, è soprattutto del portiere dei pugliesi Liverani che, con una serie di interventi prodigiosi, impedisce ai maremmani di centrare il terzo successo consecutivo. Parte forte il Grosseto come da copione. La squadra di Cuccureddu deve fare la partita e il Barletta nella fase iniziale sembra poco più di uno sparring partner. La formazione pugliese naviga nei quartieri bassi della classifica, con il tecnico Nevio Orlandi che deve far fronte a numerose assenze. Per il questo i biancorossi partono spediti cercando la soluzione immediata per una partita da mettere subito in discesa. Al 2′ minuto Bombagi ci prova di testa ma la via di mezzo tra il tiro e la sponda non va a buon fine. Lo stesso centrocampista si presenta al tiro anche al 5′, con un destro a girare che scivola di poco a lato. Al 13′, invece, la buona opportunità è per Ferretti che vince un rimpallo in area ma conclude alto con il sinistro, mentre al 19′ una fuga di Giovio è bloccata in uscita bassa da Liverani. Il Barletta si fa vedere per la prima volta al 27′, con una deviazione sotto misura di D’Errico che mette i brividi a Lanni. Poi ancora Grosseto con Ferretti che al 34′ ci prova con un sinistro in diagonale che sfiora il palo. Nel complesso quindi, tanto Grosseto, ma squadre che vanno a riposo sullo 0-0.

Nella ripresa è ancora Ferretti il più pericoloso perché al 48′, con una conclusione al volo trova l’opposizione di Liverani e poi del palo. Il portiere del Barletta è protagonista anche al 53′, quando respinge un pallone dalla strana traiettoria deviato da un difensore e respinto d’istinto. Al 61′, invece, è la volta di Terigi che in proiezione offensiva colpisce di testa ma troppo centrale, mentre un minuto più tardi torna a farsi vedere il Barletta con un tiro insidioso di Cicerelli. La pressione della squadra di Cuccureddu, non cala d’intensità e al 67′ il neo-entrato Montalto spreca di testa un suggerimento di Ferretti. Al 70′ però, Esposito cade nella trappola del nervosismo e dopo aver subito un fallo da Cascione, rimedia un cartellino giallo per un gesto di reazione. Con l’uomo in meno il Grifone continua a fare la partita, ma l’indiscusso protagonista di giornata è il portiere Liverani che all’83’ compie la prodezza neutralizzando una conclusione ravvicinata di Formiconi, mentre in pieno recupero inchioda definitivamente il Grosseto sullo 0-0, respingendo una staffilata di Mancini. Davvero un peccato per il Grosseto, in una gara a senso unico, ma senza i tre punti sotto l’albero di Natale.

GROSSETO-BARLETTA 0-0

GROSSETO (4-3-1-2): Lanni 6; Formiconi 6,5, Burzigotti 6, Terigi 6, Legittimo 6,5; Obodo 6, Ricci 5 (15’st Asante 5,5), Bombagi 6 (36’st Mancini s.v.); Esposito 4; Giovio 5,5 (15’st Montalto 5,5), Ferretti 6. A disp.: Maurantonio, Biraschi, Tedeschi, Gioè. All. Cuccureddu 6. BARLETTA (4-3-3): Liverani 8; Cane 6,5, Camilleri 7, Di Bella 6,5, Cascione 6,5; Ferreira 5,5 (40’st Zigon s.v.), Legras 6, Branzani 5,5; D’Errico 6, Cicerelli 5,5, Ilari 6. A disp.: Vaccarecci, Guglielmi, Pellegrini, Caruso, La Forgia, Mastroroberti. All. Orlandi 6. ARBITRO: Cangiano di Napoli 5 NOTE: Ammoniti: Terigi, Cane, Cascione, Asante. Espulso al 25’st Esposito per fallo di reazione. Angoli: 6-2 per il Grosseto. Recupero: 1’pt, 4’st.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.