Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Contro il taglio dei tigli di via Massetana parte la petizione online

Più informazioni su

FOLLONICA – “Perché il viale dei tigli di Follonica è un bene comune , è un viale storico di Follonica e va salvaguardato nella sua interezza e i suoi alberi sono magnifici e sono parte integrante di questa citta’, non meritano di essere tagliati”.

Con questa motivazione è stata lanciata in rete una petizione contro il taglio dell’alberata di via Massetana nella zona più vicina all’ex ippodromo dei pini.

La petizione è stata rilanciata anche sul gruppo Facebook “Il Golfo di Follonica”. Per firmare e conoscere come sta procedendo la raccolta di adesioni si può visitare la pagina che è stata aperta su una delle piattaforme che ospita le petizioni di comunità: “Avaaz.og, il mondo in azione”.

Questo è l’indirizzo diretto della petizione: LINK. L’obiettivo dichiarato dagli organizzatori è di raggiungere quota diecimila firme.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Piero Simonetti

    Caro Nevio, hai mille ragioni. Chissà se prosciugheranno il mare fino alla prima secca, per farci dei campi di minigolf…

  2. Scritto da mara ciullini

    Sono piu che contraria

  3. Scritto da Bruno Laguzzi

    Tagliare quegli alberi è come amputare un pezzo di Follonica.
    Io sono contrario al taglio degli alberi ovunque essi siano.
    Sono gli uomini che devono adattarsi se vogliono fare qualche cosa!

  4. Scritto da nevio baragatti

    Quando andavo alle elementari di via Buozzi ( un secolo fa) gli alberi si piantavano ! E’ proprio vero il mondo è sotto sopra!