Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Maremma da primato: l’esperienza della Asl 9 presentata ad Instanbul

Più informazioni su

INSTANBUL – Uno studio sulle aritmie cardiache, condotto dalla Cardiologia dell’ospedale di Grosseto, è stato protagonista del congresso europeo di Cardiac imaging “EuroEcho Imaging”, che si è svolto dal 10 al 14 dicembre a Istanbul. In questa occasione, infatti, il dottor Alberto Cresti, cardiologo della Asl 9, che ha realizzato lo studio, è stato chiamato dal presidente della Società europea di Ecocardiografia, professor Garcia Fernandez, a fare una presentazione orale del proprio lavoro, nella sessione finale dedicata alle principali novità emerse.

Lo studio sull’incidenza di trombosi atriali nelle aritmie sopraventricolari (fibrillazione e flutter), è partito nel 1998 e si è concluso nel 2012. In questi 15 anni sono stati studiati circa 1000 mille casi consecutivi su pazienti che si sono rivolti alla struttura ospedaliera grossetana. “Fibrillazione e flutter atriale – spiega Alberto Cresti – sono le aritmie più comuni e una delle maggiori cause di accesso al pronto soccorso. La principale complicanza legata a queste aritmie è il rischio di ischemia cerebrale ed ictus, che nasce dalla formazione di trombosi nelle auricole. Tant’è che, la fibrillazione atriale è la causa di circa il 25-30% di tutti gli ictus.

Grazie all’ecocardiogramma transesofageo è possibile visualizzare direttamente le trombosi atriali. Tuttavia, mentre quelle sinistre sono state diffusamente studiate, poco si sa della incidenza delle trombosi auricolari destre”. La novità dello studio è prorpio questa. “Abbiamo studiato – continua Cresti – con ecocardiogramma transesofageo 983 casi consecutivi di aritmie atriali (fibrillazioni e flutter) prima della cardioversione ed abbiamo rilevato 7 casi di trombosi auricolare dx con una incidenza dello 0,8%, significativamente minore rispetto a quelle sinistre che abbiamo trovato nel 9,3%”.

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.