Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mabro, le maestranze vicino all’azienda alle colleghe: «Scendete dal palcoscenico è ora di lavorare»

GROSSETO – La vicenda ex Mabro continua a far discutere a giorni di distanza dalla sentenza del tribunale che ha decretato la possibilità di ingresso in Prodi bis da parte dell’azienda grossetana. Sulla questione intervengono le maestranze vicino alla proprietà: «Come è noto, abbiamo scelto di lavorare in azienda, pur ritenendo un’opportunità  quella di percorrere anche la strada del concordato – spiegano. Nessuna strategia dietro a questa scelta, solo evitare che la fabbrica rimanesse ferma arrivando morta ad altre soluzioni. Il lavoro che abbiamo fatto in questi mesi, al di là dei commenti vari, a volte sarcastici a volte stizziti per il fatto che la fabbrica è andata avanti anche senza la presenza delle cosiddette scioperanti, è documentato».

«Riguardo alla fatiscenza della fabbrica, è a tutti noto che  ormai da anni non viene rinnovato nulla in impianti e attrezzature, chi fa finta di accorgersene oggi lo fa in modo strumentale, per noi invece è motivo di soddisfazione aver lavorato bene in tali difficoltà – precisano ancora -. Inoltre la catena vuota è la logica conseguenza dei passaggi di questi giorni. Un chiarimento una volta per tutte, visto che le parole hanno un senso: eccetto casi circoscritti, chi ha scelto di stare fuori dalla fabbrica è sempre stato in cassa integrazione, in sciopero».

«Veniamo alla Prodi bis. Da tutti e proprio tutti è stata richiesta a suo tempo, adesso c’è, bene, a questo punto è il caso di abbandonare brindisi, illazioni, documenti strategici e docenze illuminate sul mondo della moda. Adesso occorre scendere dal palcoscenico e rimboccarsi le maniche, con tanta volontà e professionalità per salvare la Mabro e dare un futuro a tutti, se è ancora possibile – concludono le maestranze -. Per quanto riguarda le Rsu attualmente decadute, le elezione verranno fatte nei tempi e nei modi previsti dagli accordi e ognuno prenderà il consenso che gli verra dato, come sempre è successo».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.