Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gessi rossi a Montioni. Sindaci e ambientalisti in visita alla cava. «Per il ripristino ancora 4 anni» foto

Più informazioni su

di Daniele Reali

FOLLONICA – Si trova nel cuore del Parco di Montioni, ma come un corpo estraneo non ne fa parte. È la vecchia cava di quarzite, o meglio quello che rimane della cava, perché da anni è in atto un progetto di ripristino ambientale che di fatto prevede il riempimento del “vuoto” creato dall’opera dell’uomo. Il progetto di recupero della cava è diviso in moduli: quello più grande rientra nel piano di ripristino iniziato nel 2005. Da allora con i gessi rossi prodotti dalla Tioxide viene riempita la cava realizzando dei gradoni che a progetto completato dovrebbero tornare ad accogliere la vegetazione.

Un progetto che da tempo ha l’attenzione dei comitati ambientalisti del territorio e in particolare dell’associazione “La Duna” che dopo la richiesta ufficiale ai sindaci di Scarlino Maurizio Bizzarri e Follonica Eleonora Baldi, ha avuto accesso alla cava: insieme ai primi cittadini dei due comuni stamattina i rappresentanti dell’associazione hanno così visitato l’area oggetto del ripristino.

«Dal 2005 ad oggi – dice il geologo Simone Lisi – il progetto è stato completato per due terzi. In teoria ci vorrebbero ancora quattro anni per portare a termine i riempimenti». Ma come funziona il riempimento? In pratica ogni giorno decine di camion arrivano alla cava e depositano i gessi rossi che poi vengono posizionati. Le spese di carico, trasporto e “abbancamento” sono a totale carico della Tioxide che poi paga anche 45 centesimi a tonnellata a favore delle Badnite di Scarlino, che gestiscono il ripristino e che vigilano da mattina a sera sulla cava (nella foto in alto da sinistra Simone Lisi, Maurizio Bizzarri, Eleonora Baldi).

Un’opera importante che però non è l’unica che è stata attivata nel sito di Montioni. Sempre nell’area della cava infatti il “modulo 1″ detto di “Poggio Bufalaia” ha già subito un intervento di ripristino e lì in quel caso la vegetazione è già ricresciuta anche se come hanno sottolineato anche gli ambientalisti «ci sono soltanto rovi invece delle piante e degli alberi che costituiscono la macchia mediterranea in questa zona».

La situazione di Poggio Bufalaia infatti è piuttosto complicata. «Il ripristino – dice Patrizio Biagini, direttore delle Bandite di Scarlino – era a carico della “Follonica Cave e Mniere” che hanno completato il progetto solo nella prima fase. Adesso manca la collocazione di una recinzione che protegga l’area dagli animali, la realizzazione di un impianto di irrigazione e la piantumazione di vegetazione». Un intervento sul quale è aperto anche un contenzioso al Tar tra la provincia e la società “Follonica Cave e Miniere”.

«Mi fido del progetto che è in atto – ha detto Eleonora Baldi – anche se bisogna sempre stare attenti alle preoccupazioni che arrivano anche dalla società; si può sicuramente sempre fare meglio soprattutto per quanto riguarda i controlli, ma per il momento mi sembra che il progetto proceda bene».

Tra i siti “bonificati” all’interno della cava anche la vasca di discarica che è stata sigillata e che era stata utilizzato in passato per lo stoccaggio di rifiuti non pericolosi tra cui anche la cenere dell’inceneritore di Valpiana.

(per ingrandire cliccare sulle foto)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.