Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Domani”: in un libro la via per il futuro passando attraverso la “selva oscura”

Più informazioni su

a cura di Daniela Belloni

GROSSETO – Insegnante, saggista, poeta, giornalista per “Il Manifesto”, scrittore. Ecco chi è Velio Abati, nato a Roccalbegna ed insegnante in un liceo grossetano, che ha presentato il suo libro “Domani” alla libreria Palomar di Grosseto. Il testo, è un vero e proprio exemplum che, nonostante la narrazione storica, con il titolo vuole riportare al futuro, perché sarà del lettore la scoperta finale del significato.

Nella vita quotidiana, Abati, prima di tutto come padre e come cittadino, ha spesso a che fare con le giovani generazioni ed ha deciso di sedersi al tavolo di scrittura, partendo dallo sguardo sul presente in cui viviamo, dove il senso di smarrimento è forte, quasi da vivere in una dimensione drammaticamente appiattita, a cui è stata tolta la prospettiva del futuro e che ha perso il legame con il passato.

E questo senso di smarrimento è in parte simile a quello che Dante descrive nell’inferno, nel momento in cui si trova in mezzo alla selva , con la drammatica sensazione di sofferenza e smarrimento: “tanto è amara che poco è più morte”. Ed è proprio come il celebre autore, che Abati, per rispondere a questo stato interiore, vuole trovare una via verso il futuro, passando attraverso uno sprofondamento verso il passato. Per arrivare a questo, ha compiuto studi e lavori di carattere storico ed archivistico, lavori di biografia ma anche a carattere personale e privato, in primis per il recupero del tessuto linguistico.

Quest’opera è una allegoria medioevale, condotta in una certa forma e con un certo taglio, parlando di condizioni storiche, dove le date sono totalmente determinabili sul calendario, dove i grandi eventi sono quelli storici di carattere generale, dove i nomi di persona e dei luoghi sono verificabili. Tuttavia questi ultimi, sono rivisti con una luce del tutto diversa ed il lettore, soprattutto quello dei nostri territori, che conosce da vicino situazioni, condizioni e nomi, si trova davanti ad una incertezza del riconoscere e non riconoscere. Gli vengono stimolati dei ricordi, che forse però non sono quelli, avendo una trasposizione in una dimensione temporale di significato che va ben oltre quanto è scritto.

E questo sera, sempre alla libreria Palomar in corso Carducci, l’Istituto Gramsci Grosseto, insieme alla Fondazione “Luciano Bianciardi”, organizza alle 21,30 la presentazione del libro “Elogio delle minoranze – Le occasioni mancate dell’Italia” (Marsilio 2012), a cura di Massimiliano Panarari (che sarà presente all’incontro) e Franco Motta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.