Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Amianto” vince il premio scrittore toscano dell’anno: grandi soddisfazioni per gli scrittori follonichesi

Più informazioni su

FOLLONICA – Sabato 30 novembre, in occasione della Festa della Toscana, si è tenuta in Regione a Firenze la premiazione del Premio “Scrittore toscano dell’anno”, arrivato quest’anno alla ventesima edizione. Una lunga cerimonia ha visto coinvolti oltre cento titoli di autori toscani selezionati tra i pubblicati nello scorso anno. Tre sono stati i follonichesi premiati: Alberto Prunetti, Valentina Santini e Andrea Cordovani. Il vincitore per l’edizione 2013 è stato Alberto Prunetti con “Amianto – Una storia operaia”, edito da Agenzia X. Nel libro di Prunetti, la storia e la vita di Renato si intersecano nell’Italia del boom economico con il rovescio della medaglia e il conto da pagare al progresso e al lavoro. Prunetti “venuto al mondo a Piombino, la città industriale del ferro – come si legge nelle motivazioni –, e concepito a Casale Monferrato, la capitale del lutto e dell’amianto”, ci conduce, attraverso la storia del padre operaio in uno spaccato di Italia e di Toscana che è quello delle bombe ecologiche industriali create in nome dello sviluppo. Renato Prunetti, operaio tubista e saldatore, fiero della sua professione, per svolgere il suo lavoro doveva coprirsi d’amianto e non sapeva che quell’amianto lentamente lo avrebbe ucciso. Una riflessione sul senso del lavoro che tocca anche l’oggi e lo stesso autore (ancora precario). “Un libro – ha detto lo scrittore – che non avrei mai voluto scrivere perché è nato sulla pelle di mio padre”.

Grandi soddisfazioni anche in casa Ouverture Edizioni. Un secondo posto nella sezione premio on-line è stato assegnato a Valentina Santini con il suo “Chi sa fare la torta di mele trova marito”, romanzo piacevole e mai banale, leggero ma non superficiale. Una storia che accomuna tanti ragazzi di oggi: andare all’estero e trovarsi in una quotidianità impegnativa. Senza cadere in facili luoghi comuni l’autrice porta avanti una narrazione dinamica e fresca, condita da una buona dose di autoironia e visione positiva della vita. Da subito questo libro ha riscontrato un buon apprezzamento tra i lettori, questi mesi hanno visto Valentina impegnata in varie presentazioni, non ultimo l’invito al Salone Internazionale del Libro di Torino.

Un premio menzione è andato ad Andrea Cordovani con “Una vita in pista” libro dedicato alla vita di Raul Micheli, la passione per l’hockey su pista e le innumerevoli esperienze di uno dei campioni più grandi di Follonica dalle prime partite alla Pista dei Pini fino alle vittorie come CT della Nazionale. Quest’opera ripercorre la storia di vita che La storia di uno sport e lo sviluppo di una cittadina, l’hockey su pista a Follonica. E le persone che ne sono state protagoniste ed elementi attivi. Questo libro è un tributo alla memoria di una grande persona, a 10 anni dalla sua morte Raul Micheli continua a raccontare una storia incredibile e a far ripercorrere emozioni ed esperienze esaltanti.

Un riconoscimento selezione è andato anche ad Angela Maria Fruzzetti con il suo “Non dire niente a nessuno”, libro significativo che parla in modo appassionato e mai banale di una tematica difficile come può essere la violenza di genere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.