Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Costituzione non si tocca: le firme raccolte saranno consegnate a Sani

Più informazioni su

GROSSETO – La sezione ANPI di Grosseto “Elvio Palazzoli”, in collaborazione con il Comitato per la Costituzione di Grosseto, indice un incontro pubblico con l’Onorevole Luca Sani per domani lunedì 2 dicembre alle 17 presso la sala Pegaso del palazzo dell’Amministrazione Provinciale in Piazza Dante. Il tema dell’incontro sarà il confronto sul tema delle “riforme costituzionali”, in discussione alla Camera dei deputati nelle prossime settimane, e in particolare la loro approvazione con una procedura che “deroga” quelle esplicitamente previste dall’articolo 138 della Carta proprio per la modifica delle norme costituzionali. Tale iniziativa si muove in base alle indicazioni del Presidente dell’ANPI Nazionale, il partigiano Carlo Smuraglia, nel suo recente appello alle cittadine e ai cittadini italiani per la mobilitazione in difesa della Carta Costituzionale, che ci ha portato in piazza domenica scorsa.

L’ANPI è contraria alle “riforme costituzionali” messe in discussione alle camere dal governo in deroga dall’articolo 138, deroga che “è inutile, ingiustificata e dannosa. Inutile, perché per fare le riforme già mature e su cui si dichiarano d’accordo tutti (riduzione del numero di parlamentari, differenziazione del lavoro delle due Camere, riordino del sistema delle autonomie locali) basterebbero le procedure ordinarie, senza toccare le garanzie costituzionali”; “è dannoso, perché viene collocata all’ultimo posto, anziché al primo, la riforma della vergognosa legge elettorale vigente (che è invece urgentissima)”. Sullo sfondo c’è il presidenzialismo e il pericolo di estendere le “riforme” anche agli stessi principi inviolabili del titolo primo della Carta. Scrive Smuraglia: “L’ANPI non ci sta e invita i cittadini e le cittadine a riflettere, a informarsi, ad intervenire presso i parlamentari che hanno eletto, perché rendano possibile che la parola ritorni agli elettori attraverso il referendum con il loro voto contrario, che impedisca la prossima approvazione della deroga al 138 alla camera dei deputati con la maggioranza di 2/3”. Nell’incontro saranno presentate all’onorevole Sani le firme dei cittadini di Grosseto che chiedono di non approvare questo disegno di legge.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.