Congresso e veleni. Dopo il “caso Rama”, la Baldi chiarisce: «Verifica su tutte le partecipate».

di Daniele Reali

FOLLONICA – Non ci sarebbe nessun legame tra la richiesta di accesso agli atti effettuata dal comune di Follonica e rivolta alla società Rama spa e la corsa al congresso del Partito democratico. A smentire qualsiasi ipotesi di “complotto” è il sindaco Eleonora Baldi che chiiarisce la posizione dell’amministrazione comunale della città del Golfo. Il comune sta compiendo una verifica complessiva su tutte le partecipate: l’azione dell’assessore Pinzuti non riguarderebbe dunque soltanto la Rama, che vede alla presidenza proprio Marco Simiani, avversario della “rossa” segretaria nella corsa al vertice del Pd provinciale.

«Sono dispiaciuta della lettura data da Marco Simiani, al quale mi lega un rapporto professionale e di amicizia «così inizia il Sindaco di Follonica Eleonora Baldi. «Il comune di Follonica – aggiunge il sindaco –, come si richiede ed è dovuto ad un ente pubblico, sta effettuando una serie di accessi agli atti per verificare le spese delle società partecipate, per il tramite dell’assessore che ne detiene la delega, cioè Barbara Pinzuti. Le richieste non sono state solo inviate alla Rama, ma anche all’Epg, all’Acquedotto del Fiora spa e al Coseca spa e restiamo in attesa delle risposte di tutte e quattro le società».

Rimane da capire se il chiarimento arrivato da Largo Cavallotti smorzerà la polemica in atto che ha già visto l’intervento di diversi esponenti Pd. E intanto sabato prossimo l’assemblea, in questo clima ancora da “battaglia”, dovrà proclamare Barbara Pinzuti segretaria provinciale.

Commenti