Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Discount, i dischi di ieri e di oggi: andiamo nel 1971 con i Genesis

a cura di Massimo Vigni

Quarto appuntamento con la nostra rubrica “Discount”, i dischi di ieri e di oggi. Questa quarta puntata è dedicata ai Genesis e al loro Nursery Cryme Charisma

Il terzo disco dei Genesis rimane uno di quei dischi che vanno bene sempre. Ascoltate The Musical Box, primo hit del gruppo, una cavalcata progressive incontenibile. E’ il primo disco di Phil Collins alla batteria, ma oltre all’anima di Peter Gabriel appare in tutta la sua bravura Steve Hakett, per me uno dei più grandi chitarristi di arpeggio nel rock. Il tastierista Tony Banks è “il suono del prog/rock” con le sue tastiere liquide e sognanti. Grandi brani (tutto il disco è bello!) sono anche Seven Stones (bistrattato dalla critica) e The Fountain Of Salmacis. Dopo arriveranno Foxtrot, Selling England By The Pound, e The Lamb Lies Down On Broadway ultimo disco con Gabriel alla voce. Per me in pratica la fine dei Genesis, un po’ come i Pink Floyd senza Roger Waters.

Tracklist: 01. The Musical Box – 02. For Absent Friends – 03. The Return of The Giant Hogweed – 04. Seven Stones – 05. Harold The Barrel – 06. Harlequin – 07. The Fountain of Salmacis

Per ascoltare: http://www.youtube.com/watch?v=W35wtfcByIY The Musical Box live in Belgio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.