Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mabro: incontro pubblico per cercare un futuro. Atteso anche il governatore Rossi

di Lorenzo Falconi

GROSSETO – Si parlerà del futuro della Mabro, almeno nelle intenzioni. Questo lo scopo dell’incontro pubblico che si terrà domani pomeriggio alle 15, in sala Pegaso, al palazzo della Provincia. C’è attesa per il possibile arrivo di Enrico Rossi, governatore della Toscana, invitato a partecipare all’iniziativa promossa dalle Rsu della Cgil. L’ultima volta che il presidente  della Regione si è recato a Grosseto per parlare di Mabro, non è andata benissimo, con toni piuttosto caldi e vari sfoghi provenienti un po’ da tutte le parti. Aspetto che denota come la vicenda che riguarda 224 posti di lavoro sia decisamente complessa e non priva di considerazioni che in alcuni frangenti possano far perdere le staffe, come accaduto proprio al governatore Rossi (nella foto il suo sfogo del 5 giugno), o ad alcuni dipendenti esasperati da una situazione che si protrae da molti mesi.

All’incontro, in ogni caso, sono state invitate tutte le forze politiche e le istituzioni, anche per parlare del futuro dell’azienda, divenuta ormai simbolo, nel territorio, di una lotta senza quartiere in ambito lavorativo. Durante l’incontro verrà riproposto anche un documento che qualche mese fa fu inviato ai rappresentanti istituzionali, in cui veniva spiegato perché la Mabro può ancora salvarsi in un settore che produce ricchezza. Verranno chieste anche risposte al mondo della politica e alla amministrazioni locali, perché il loro compito non deve essere solo quello di dare solidarietà, ma di creare le condizioni migliori per la collettività. Mabro e non solo Mabro quindi, perché occorre avere una visione più ampia del tessuto produttivo se ci sono da ricercare le condizioni per una sopravvivenza prima e per un rilancio poi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.