Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sterilizzazioni di cani e gatti, Asl 9: la Lav non conosce il Servizio veterinario

Più informazioni su

GROSSETO – La Asl 9 «ha la migliore performance regionale per le sterilizzazioni» di cani e gatti. Così la dirigenza risponde alla Lav di Grosseto «sulle presunte inadempienze della Asl 9 rispetto alla sterilizzazione di cani e gatti randagi e alla gestione del fenomeno del randagismo. È evidente che il rappresentante della Lav di Grosseto, Giacomo Bottinelli, non conosce approfonditamente l’impegno del Servizio veterinario pubblico e dei Comuni, per la gestione del randagismo felino e canino; soprattutto, il peso economico che questo impegno riveste per la collettività maremmana».

«Nella condivisione di obiettivi e incombenze con tutti i Comuni della provincia di Grosseto e in applicazione delle norme nazionali e regionali, sono ormai anni, infatti, che la Asl svolge un’importante attività per il controllo del randagismo – si legge nella nota -. Alla sede Asl di Villa Pizzetti, a Grosseto, è da tempo in funzione un centro chirurgico veterinario, tra i efficienti e attivi della Toscana, che nel 2012 ha consentito di raggiungere la migliore performance regionale per numero di sterilizzazioni, eseguite su cani e gatti abbandonati: il 2013 si concluderà con oltre 180 sedute operatorie attivate, per un totale di circa 200 cani e oltre 1000 gatti sterilizzati chirurgicamente. Questo impegno, come ogni anno, comporta costi diretti ed indiretti per personale, consumi sanitari, attrezzature, ecc. di oltre 250.000 euro all’anno».

«Per i Comuni della provincia di Grosseto, l’impegno che deriva dalla piena applicazione delle norme nazionali e regionali comporta, invece, costi diretti di circa 1.200.000 euro all’anno – prosegue Asl -, solo per il mantenimento degli oltre 900 cani abbandonati, ricoverati nei quattro canili-rifugio in attività nel territorio provinciale. Questi canili, peraltro, sono convenzionati con i Comuni stessi e tutti formalmente accreditati secondo le severe norme regionali per requisiti di attrezzatura e per la modalità di custodia degli animali, come risulta dai continui controlli effettuati dalla Asl. Ai costi diretti, si aggiungono, ovviamente, quelli del personale, amministrativo e di polizia municipale, quotidianamente è impegnato nelle procedure di gestione del randagismo. In questo contesto – conclude la Asl 9 – appare paradossale, oltre che falso, parlare di Asl e sindaci come principali attori del controllo del randagismo che non espletano nella maggior parte dei casi i propri compiti di prevenzione (…), omettendo di svolgere quelle azioni basilari indicate dalla legge…»

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.