Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Cento città contro il dolore”: anche la Banca della Maremma partecipa all’iniziativa

Più informazioni su

GROSSETO – Anche quest’anno la Banca della Maremma, in collaborazione con il proprio C.R.A.L.,  scenderà in piazza a fianco della Fondazione ISAL, in occasione dell’iniziativa “Cento città contro il dolore”. Sabato 12 ottobre, dalle ore 9.00 alle 19.00, l’Istituto di credito – grazie al volontariato dei propri dipendenti – promuoverà l’allestimento di uno stand in Corso Carducci a Grosseto, per raccogliere fondi in favore della terapia del dolore e informare la cittadinanza sul “diritto a non soffrire”, oggi formalmente riconosciuto dalla L. n. 38/2010.

Durante la settimana è stato allestito anche un presidio presso l’Ospedale “Misericordia” di Grosseto, in collaborazione con il personale medico locale specializzato in materia e le associazioni “La Farfalla” e “Le Querce di Mamre”; sono state fornite informazioni e materiali su tale forma terapeutica, oggi purtroppo ancora poco conosciuta.

Queste iniziative rappresentano il frutto di una collaborazione avviata ormai da tempo tra la Banca, la Fondazione ISAL ed alcuni medici locali del settore. Assieme a tali soggetti, la Banca della Maremma ed il proprio CRAL avevano infatti già partecipato lo scorso anno alla “Giornata nazionale contro il dolore”, allestendo due stand a Grosseto per la raccolta fondi.

L’impegno dell’Istituto di credito maremmano a fianco della Fondazione ISAL nasce dall’accordo nazionale stipulato da quest’ultima con ICCREA Banca Spa, e testimonia la coerenza della Banca della Maremma con i propri valori statutari, interamente ispirati al primato ed alla centralità della persona.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.