Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ecco il bando per l’assegnazione delle case popolari

Più informazioni su

MONTE ARGENTARIO – E’ pubblicato il bando di concorso per l’aggiornamento della graduatoria generale degli aspiranti all’assegnazione in locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica che si renderanno disponibili nel Comune di Monte Argentario, ai sensi della legge regionale n. 96 del 1996. Le domande dovranno pervenire al Comune entro il 22 novembre 2013, compilate unicamente sui moduli appositamente predisposti dal Comune  disponibili on line all’indirizzo www.comunemonteargentario.it/bandi/bandiegare.htm e distribuiti presso l’Ufficio Casa (0564 811908)

Può presentare domanda :
a) chi sia in possesso della cittadinanza italiana o di uno Stato aderente all’ U.E. Gli stranieri titolari di carta di soggiorno e gli stranieri regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo hanno diritto di accedere, in condizioni di parità con i cittadini italiani, agli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica”;

b) chi abbia residenza anagrafica o presti attività lavorativa nel Comune di Monte Argentario o chi ivi presterà servizio in nuovi insediamenti produttivi entro e non oltre l’anno cui si riferisce il presente bando. Ha facoltà di partecipare al presente bando il lavoratore emigrato all’estero il quale potrà concorrere solo nel Comune di Monte Argentario. Nella domanda di partecipazione al presente bando dovrà risultare che il richiedente non ha presentato domanda in nessun altro Comune, pena

l’esclusione dalla graduatoria:
c) chi non risulti titolare di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo famigliare, nell’ambito territoriale cui si riferisce il bando di concorso. E’ adeguato l’alloggio la cui superficie utile abitabile intesa quale superficie di pavimento misurata al netto dei muri perimetrali e di quelli interni, delle soglie di passaggio da un vano all’altro, degli sguinci di porte e finestre sia non inferiore a 30 mq. per 1 persona, non inferiore a 45 mq. per 2 persone, non inferiore a 55 mq. per 3 persone, non inferiori a 65 mq. per 4 persone non inferiore a 75 mq. per 5 persone, non inferiore a 95 mq. per 6 persone ed oltre;

d) chi non risulti titolare di diritti di proprietà su uno o più alloggi o locali ad uso abitativo sfitti o concessi a terzi, ubicati in qualsiasi località, il cui valore catastale complessivo sia uguale o superiore al valore catastale di un alloggio adeguato determinato assumendo come vani catastali quelli di cui alla tabella di seguito riportata con riferimento al nucleo familiare, e come tariffa d’estimo quella convenzionale risultante dalla media del valore delle classi della categoria A3 (di zona periferica) del Comune di Monte Argentario.

e) chi non abbia ottenuto precedenti assegnazioni in proprietà immediata o futura di alloggi realizzati con contributi pubblici, in qualunque forma concessi dallo Stato o da Enti Pubblici, con esclusione dei casi in cui l’alloggio sia stato espropriato, sia inutilizzabile o perito senza dar luogo al risarcimento del danno;

f) chi fruisca di un reddito annuo complessivo del nucleo familiare non superiore al limite massimo per l’accesso all’edilizia sovvenzionata vigente alla data di pubblicazione del bando di concorso ( € 16.000,00 come da delibera G.R. n.630 del 29/07/13) e da computarsi con le modalità previste dalla TAB A L.R. 96/96 ai sensi dell’art.21 L. 05/08/78 n. 457, sostituito dall’art.2 comma 14 del D.L. 23/01/82 n.9, determinando le seguenti detrazioni: – € 1.549,37 per ogni figlio a carico – € 3.098,74 per ogni figlio disabile a carico – € 3.098,74 per ogni figlio a carico nel caso di famiglia composta da una sola persona oltre i figli.

g) chi non abbia ceduto in tutto o in parte – fuori dei casi previsti dalla legge – l’alloggio eventualmente assegnato in precedenza in locazione semplice, cessione accertata mediante la conclusione del procedimento di revoca;

h) chi non occupi un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica senza le autorizzazioni previste dalle disposizioni in vigore.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.