Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Golf: Stefano Palmieri sul podio agli internazionali Hand Blind Italian Open foto

Più informazioni su

FOLLONICA – Ben 22 concorrenti, di cui 4 italiani tra cui il follonichese Stefano Palmieri, accompagnato da Andrea Mencattini,  che al suo debutto in campo internazionale ha portato a casa un grande terzo posto nella categoria B1, non vedenti assoluti, grazie alla sua imprescindibile determinazione e  passione. Stefano gioca a golf da un anno e si allena al club toscana Pelagone, dove tutti seguono le sue gesta con interesse e un pizzico di curiosità. Stefano non è nuovo alle grandi sfide (da 11 anni è non vedente a seguito di un incidente che gli ha procurato il distacco totale dei nervi ottici). E ora ecco la nuova sfida, perché Stefano non si stanca di mettersi in gioco e spingere al massimo la sua determinazione  nei confronti della vita. E così è andata per il golf: ha iniziato per capire se gli piaceva e se era possibile da praticare e in meno di un anno ha strappato un terzo posto in un torneo internazionale nel quale era il più “acerbo”.

«Stamani è stato per me un  grande onore fare i complimenti, per adesso telefonici, a Stefano Palmieri – dice il Sindaco Baldi – che ieri ha ottenuto un risultato superlativo in uno sport impegnativo come il golf. Presto l’amministrazione lo riceverà in Consiglio comunale e così la sua città potrà dargli giusto onore, perché Stefano, con  la sua disabilità, è un esempio di coraggio, tenacia e forza, e rappresenta un insegnamento per tutti».

«Sono molto contento di questo risultato – aggiunge Stefano –  che è  eccellente se si considera che è la mia prima gara internazionale, in un campo  bello ma pieno di difficoltà. Adesso  mi attende tanto allenamento perché il mio sogno continua e mi preparerò per il  British Open in Irlanda  che si terrà a luglio 2014. Colgo l’occasione per ringraziare tutto il Golf Club Pelagone, e  in particolare  il direttore Christian Pulz, perché hanno creduto in me talmente tanto da  mettermi a  disposizione  il campo e le  persone per i miei allenamenti, oltre ad aver organizzato una gara il cui ricavato è stato finalizzato alla mia partecipazione all’Open. Ringrazio il  sindaco Baldi  per la gradita telefonata e per l’invito in Consiglio comunale: Follonica è la mia città, ho mio figlio Mirko, la mia famiglia, i miei amici, e  questo riconoscimento istituzionale è e sarà per me una grande emozione».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.