Quantcast

La Maremma da primato: Vino eccellente per la vendemmia 2013 «La migliore degli ultimi anni»

GROSSETO – «Quella che si avvia alla conclusione è decisamente da considerarsi come una delle migliori vendemmie degli ultimi anni, non tanto per il quantitativo delle uve, quanto per la loro qualità, che è davvero eccelsa». Parola di Fiorella Lenzi, presidente della sezione di Prodotto vitivinicola di Confagricoltura Grosseto. Lenzi parla di un 2013 “importante” per il vino maremmano. «La vendemmia è agli sgoccioli – aggiunge – ma la si può davvero appellare come “eccezionale”. Le condizioni meteo sono state perfette, con un’escursione tra il giorno e la notte molto elevata, con temperature fresche alternate a torride. Il risultato è da record. Una alchimia tra la forza della natura che si ritrova nel vino con robustezza coniugata alla finezza. Potremmo definire il nostro un vino “vellutato”, “satin”».

«Il tutto sia per quelli a bacca bianca che a bacca rossa. In questa ultima categoria – prosegue – faccio notare che, mentre nel Chianti ancora non si è passati a vendemmiare il sangiovese, la cui maturazione è molto lenta, in Maremma si stanno avviando in questi giorni le operazioni di raccolta. Sul fronte dei “bianchi”, – spiega Fiorella Lenzi – con i nuovi cloni, si sono ottenuti prodotti molto profumati, gradevoli e importanti anche per l’enologia italiana». Lenzi critica però il fatto che i ristoratori «servano pochissimi vini autoctoni. A prescindere dall’appeal che il nostro vino ha in Italia e all’estero non è possibile pensare che nel territorio di produzione non si distribuisca e non si serva. È come se a Bordeaux si presentassero ai clienti dei ristoranti carte con i vini locali quasi assenti. Questo non è tollerabile, perché la prima pubblicità si fa sul territorio».

Commenti