Campeggiano in città, terzo intervento della Municipale. Preoccupazione per il degrado della zona foto

di Lorenzo Falconi

GROSSETO – Una storia che ormai si ripete in modo ciclico e che porta al terzo intervento in poco più di un mese da parte della Polizia Municipale. Ancora nomadi a Grosseto, in piazza Thailandia, in un’area adibita ai camper, ma non attrezzata per la sosta permanente. Le visioni sono le solite: abiti messi ad asciugare su tenditoi improvvisati, uso di acqua pubblica e rifiuti vari sparsi per il parcheggia. Questa volta non c’è stato nemmeno bisogno delle segnalazioni da parte dei cittadini, stufi del degrado che si registra nella zona, perché gli agenti della Polizia Municipale sono subito intervenuti per allontanare i campeggiatori abusivi. La preoccupazione dei residenti, al fronte di queste continue situazioni, riguardano soprattutto la tematica della sicurezza, in quanto la presenza di un campeggio abusivo in prossimità delle abitazioni non è affatto gradito.

In piazza Thailandia, infatti, diverse roulotte sostavano nel parcheggio senza essere agganciate a nessuna auto, commettendo un’infrazione al codice della strada. Un primo intervento della Municipale, con il Nucleo Operativo Antidegrado, era stato effettuato il 30 di luglio. In quella circostanza, le roulotte si erano messe in marcia per spostarsi in via Ambra, in altro parcheggio cittadino noto per la sosta dei nomadi. Allontanati anche da via Ambra, i proprietari delle roulotte avevano fatto perdere le proprie tracce, fino a comparire di nuovo, il 3 agosto, in piazza Thailandia. Tutto da rifare, quindi, almeno fino al secondo intervento dell’8 agosto, quando la Polizia Municipale era di nuovo intervenuta per sgomberare il parcheggio cittadino.

Anche nell’intervento avvenuto questa mattina, i campeggiatori sono stati fatti allontanare dopo aver registrato le loro generalità per la terza volta. I nomadi si sono subito allontanati da piazza Thailandia senza opporre la minima resistenza, ma c’è da scommetterci che non sarà una misura definitiva.

Commenti