Quantcast

Tolleranza zero verso gli irresponsabili: è il “Ferragosto sicuro” della Guardia costiera

PORTO SANTO STEFANO – Tolleranza zero nei confronti dei comportamenti irresponsabili e pericolosi. È il principio che guida l’operazione Ferragosto sicuro della Guardia costiera. Anche quest’anno, in corrispondenza del periodo di Ferragosto, la Direzione Marittima della Toscana ha concentrato lo sforzo operativo di uomini e di mezzi in mare e sugli oltre 600 Km di costa regionale, compreso l’arcipelago. Sino ad ora, grazie all’operazione Mare sicuro, in Toscana sono state soccorse 92 persone, (di cui 80 diportisti, 11 bagnanti e 1 subacqueo). 5.500 i controlli effettuati, e 270 gli illeciti scoperti, sia di natura penale che amministrativa, di cui oltre un terzo per comportamenti posti in essere da diportisti nautici, in violazione delle ordinanze balneari emanate dagli uffici marittimi della regione.

Le sale operative delle Capitanerie toscane, nel periodo ferragostano, saranno costantemente presidiate da più di 20 militari, 24 ore su 24, per far fronte ad ogni richiesta di assistenza in mare o sulle spiagge. Oltre 25 mezzi navali, tra motovedette e gommoni costieri, su cui 70 uomini e donne di equipaggio, svolgeranno attività intensa di polizia marittima a garanzia della sicurezza di bagnanti e diportisti e per intervenire in caso di soccorso, o per sanzionare tutti i comportamenti illeciti e pericolosi. Il Contrammiraglio Arturo Faraone, direttore marittimo della Toscana, spiega: «L’attività di vigilanza sarà pressoché costante in tutto il mare della Toscana. Sarà pari a zero la tolleranza verso tutte le situazioni che pregiudichino la sicurezza e l’incolumità di chi si trova in mare e sulle spiagge e sono previste sanzioni penali ed amministrative che possono ammontare ad oltre 6.000 euro».

Più di 90 uomini e 40 mezzi integreranno sulla costa il dispositivo di prevenzione, a favore dei frequentatori delle spiagge, con particolare attenzione per la presenza obbligatoria del servizio di assistenza ai bagnanti e delle dotazioni di sicurezza. La Guardia Costiera ricorda l’importanza del numero blu gratuito 1530, attivo su tutto il territorio nazionale, per segnalare ogni tipo di emergenza in mare e guadagnare istanti fondamentali per il buon esito dell’intervento di soccorso.

Commenti