Quantcast

Calcio a 5 Uisp: Caldini Spurghi vince il trofeo Albertazzi

POLVEROSA – Il Caldini Spurghi vince per la quarta volta il trofeo Albertazzi di calcio a 5 Uisp a Polverosa battendo in finale La Fornace con un netto 6-2.  Un’affermazione strepitosa quella della squadra di mister Pennacchi che anche in questa stagione è riuscita a mettersi alle spalle tutte le avversarie. Nell’ultimo  atto battuta quella Fornace approdata alla finale dopo il sofferto successo sul Gialina Giardinaggio. Il Caldini non si è fatto sopraffare dall’entusiasmo della squadra di Francesca Rosati mettendo subito le cose in chiaro e spingendo sull’acceleratore con Matteo Pira, l’uomo che in pratica ha indirizzato la finale sui binari della propria compagine. Nel secondo tempo è stato sufficiente amministrare il vantaggio prima dei gol di Forte, Checcacci e Fratini , quest’ultimo vincitore della classifica cannonieri.

Al triplice fischio finale è esplosa la gioia di tutta la squadra che ancora una volta si è portata sul gradino più alto del podio. Ha alzato il trofeo e ha potuto gioire anche per i premi disciplina e miglior difesa ottenuto dal portiere Leandri. Il prologo è stata la finale del memorial Angelo Turetta: laMaglianese si è assicurata la vittoria battendo il Cs Installazioni per 6-4.  Per i giallorossi di Darini il successo è arrivato dopo un periodo tortuoso della fase a gironi dove per lungo tempo ha occupato la parte bassa della classifica. Sono proprio i gol di Darini e Brasini che chiudono questa finale vinta con merito su un buon Cs. Per Valentino Busonero l’ennesimo titolo di capocannoniere, l’attaccante del Cs ha ancora una volta sbaragliato alla grande la concorrenza. Il Mojito di Fanciulli e Perillo si aggiudica le coppe per il terzo posto e la miglior difesa.

CALDINI SPURGHI : Leandri, Pira, Fratini, Forte, Checcacci, Lubrano. All. Pennacchi LA FORNACE :  Nasini, Censini, Neri, Lorenzo Falciani, Alessandro  Falciani, Magarotto, Iannacci, Melchionna. All. Rosati RETI: Pira (3), Checcacci, Lubrano, Fratini, L. Falciani, Melchionna.

Commenti