Calici di Stelle accendono Massa e Gavorrano: «Con il vino per rilanciare il territorio» foto

di Daniele Reali

MASSA MARITTIMA – Le eccellenze di Massa Marittima e Gavorrano per celebrare l’estate e promuovere il vino e il territorio. Calici di Stelle è tutto questo e molto altro visto che nelle due serate in programma tra Massa e Gavorrano ci sarà spazio anche ai prodotti tipici e alla musica (nella foto da sinistra Lidia Bai e Elisabetta Iacomelli).

Come è ormai consuetudine Calici di Stelle anche quest’anno si dividerà tra il centro storico di Massa, sabato 10 agosto, e il Teatro delle Rocce di Gavorrano, lunedì 12 agosto. Due appuntamenti per lo stesso grande evento, «un modo di lavorare e di fare sistema – ha detto il sindaco di Massa Marittima Lidia Bai – che considero vincente così come l’idea di promuovere questo territorio attraverso il vino».

Alle parole della Bai hanno fatto eco quelle di Elisabetta Iacomelli. «Calici di stelle è una formula ormai collaudata – ha detto il sindaco di Gavorrano – anche se per noi non era scontato riuscire ad organizzare l’edizione di quest’anno. Siamo soddisfatti perché nonostante il poco tempo a disposizione ci siamo riusciti». Tra l’altro tra le novità dell’edizione 2013 di Calici di Stelle a Gavorrano viene lanciata anche la campagna di “car sharing”: per raggiungere il teatro delle Rocce ci saranno delle navette dai parcheggi della Finoria e l’invito dell’amministrazione è quello di raggiungere Gavorrano con le auto “piene” magari in compagnia di amici rispettando l’ambiente e limitando l’inquinamento.

Calici di stelle 2013 è stato presentato questa mattina: insieme ai due sindaci anche il presidente di Gavorrano Idea Giuseppe De Biase e sempre per l’istituzione Silvia Bonelli, la direttrice del Teatro delle Rocce Alessandra Casini, e l’assessore alle attività produttive di Gavorrano Daniele Tonini. «Calici di Stelle rappresenta un fiore all’occhiello nel settore della promozione del territorio che valorizza la capacità di traino turistico che il vino locale può assicurare».

Il programma di Massa Marittima – È la sedicesima edizione dell’evento per la città del Balestro. L’inizio è previsto per le  21. Saranno ventisei le aziende vitivinicole e cinque le aziende olivicole protagoniste della serata in rappresentanza dei Comuni di Massa Marittima, Gavorrano, Scarlino, Roccastrada, Castiglione della Pescaia e Monterotondo Marittimo. Oltre al vino ci saranno una degustazione di specialità proposte dalla Condotta Slow Food Monteregio ed altri punti di ristoro caratteristici lungo l’itinerario della festa organizzati dai Terzieri di Cittanuova, Cittavecchia e Borgo e dalla Pro Loco di Massa Marittima. Ad accompagnare con la sua musica itinerante questa grande festa ci sarà la Girlesque Street Band, la prima e unica street band italiana tutta al femminile. Con sedici  giovani musiciste provenienti da  tutta la Toscana. Anche quest’anno verranno riproposti i punti di ascolto musicale fissi che saranno quattro in diversi angoli tra i più suggestivi del centro storico della città. Confermata, come ormai da tradizione, la scelta di avere un itinerario della festa che coinvolga larga parte del centro storico di Massa Marittima.

Il programma di Gavorrano – Anche l’evento ospitato al Teatro delle Rocce, nel cuore del Parco Nazionale delle Colline Metallifere, Calici di Stelle è organizzato in collaborazione con le Città del vino, la Strada del vino e dei sapori del Monteregio di Massa Marittima e con l’associazione nuova Proloco gavorranese e i produttori di vino e prodotti tipici di Gavorrano e delle Colline metallifere.Durante la serata ci sarà la possibilità oltre quella di degustare il vino del territorio anche i prodotti più buoni della nostra tavola. Ad accompagnare i visitatori la musica dellei “False partenze”, band di 20 elementi nata all’interno dei laboratori di musica d’insieme della scuola “Diego Chiti” di Manciano circa 8 anni fa, e della quale oggi, dopo circa 100 concerti all’attivo, fanno parte allievi della scuola e musicisti esterni diretti dal sassofonista Michele Santinelli.

Commenti