Quantcast

Il Pd “taglia” le tasse: due mozioni per ridurre Imu e Tares. «Abbassarle è di sinistra»

FOLLONICA – «Abbassare le tasse è una cosa giusta e di sinistra». La pensano così nel Partito democratico a Follonica, tanto che il gruppo consiliare presenterà nella seduta del prossimo consiglio, lunedì 5 agosto, due mozioni per “tagliare” le tasse e per «alleggerire la presione tributaria che le famiglie subiscono a causa della crisi economica e della disoccupazione».

«Pur ritenendo la fedeltà fiscale uno comportamento a favore dell’ equità e dell’uguaglianza – spiega Francesco De Luca, capogruppo del Pd in consiglio –, pensiamo sia giusto che in una condizione di forte impoverimento dei redditi disponibili si proceda all’abbassamento, per quanto possibile, di Tares e Imu».

Nella prima mozione si chiede di impegnare «la maggioranza verso una forte riduzione delle aliquote Imu per le seconde case date in locazione a canoni equi o concesse in comodato d’uso gratuito (ad oggi ammontano al 10,6 per mille del valore catastale), così da favorire le locazioni pluriennali e ridurre la prassi degli appartamenti sfitti nella stagione invernale. Stessa richiesta abbiamo avanzato in riferimento a quelle imprese di costruzione che ad oggi non sono riuscite a vendere gli appartamenti, per dare un po’ di fiato agli imprenditori in difficoltà».

«Con la seconda mozione invece chiediamo al sindaco di farsi parte attiva nella revisione dell’accordo ANCI-CONAI per aumentare il contributo riservato ai comuni per la raccolta differenziata e ridurre così l’odiosa e ingiusta tassa sui rifiuti prevista dal governo Monti, calcolata sui metri quadri anziché sulla produzione di rifiuti».

«In un periodo in cui le famiglie si trovano in grave difficoltà nei pagamenti, tra i vari oneri e aumenti del costo della vita, – conclude De Luce – crediamo sia sacrosanto e di “sinistra” dare un piccolo segnale di vicinaza ai cittadini e alle imprese, rendendo il giogo della finanza locale un po’ più leggero».

Commenti