Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La mafia si combatte anche con il teatro. Parte da Gavorrano il “Contrasto” alla criminalità

Più informazioni su

GAVORRANO – Arriva all’interno del Teatro delle Rocce un focus di quattro  giorni sulla  lotta alla mafia. Da giovedì 1 agosto a domenica 4 è in programma “Contrasto” il nuovo spettacolo della compagnia Katzenmacher, ideato e diretto da Alfonso Santagata (nella foto). Michele Zagaria, boss di boss, accerchiato e senza più scampo, dal bunker grida ai poliziotti “Sono io, comportiamoci da uomini!” Ma sono uomini? Il nuovo spettacolo della Katzenmacher, che debutta a Gavorrano, impegna al fianco della compagnia il gruppo di appassionati e allievi del territorio che già da qualche tempo partecipano alle attività svolte per il progetto di stabilità e residenza artistica istituito con Regione Toscana, Provincia di Grosseto, Comune di Gavorrano e Parco Nazionale Colline Metallifere. “Contrasto” propone schegge, brani, fotogrammi impazziti sulla malavita e gli arricchiti: il male di oggi.

Il programma prevede inoltre, incontri e momenti di riflessione sulle dinamiche di mafia. Venerdì 2 agosto alle 18 alla Porta del Parco di Gavorrano, si terrà l’incontro con Pino Maniàci, proprietario e direttore di Telejato, una piccola emittente televisiva palermitana, famosa per la dura lotta alla mafia che fa quotidianamente. Telejato ha sede a Partinico, in provincia di Palermo, lavora su un territorio fortemente connotato dalla presenza mafiosa: Corleone, Cinisi, Montelepre, Alcamo, Partinico, Castellammare del Golfo, San Giuseppe Jato. Pino Maniàci, da più di dieci anni in prima linea nella lotta contro la mafia, ha ricevuto molteplici minacce e subìto diversi attentati mafiosi, tra i più gravi c’è l’incendio dell’auto e il pestaggio ad opera del figlio di un boss mafioso. Telejato e Pino Maniàci sono considerati, a livello internazionale, un baluardo della lotta contro le mafie e della libera informazione proprio per le inchieste realizzate e per la chiarezza e il coraggio con cui denunciano gli atti mafiosi e chi li realizza. Questo il motto di Telejato e di Pino Maniàci “loro si sentono uomini d’onore e per noi disonorarli è una questione d’onore”.

Mentre Sabato 3 agosto, alle 18  alla Porta del Parco di Gavorrano, si svolgerà un incontro per parlare della lotta alla criminalità sul territorio toscano, parteciperanno: Jacopo Armini, Sindaco di Monteroni d’Arbia che ha un’importante esperienza di gestione dei beni  sequestrati  alle mafie,  Andrea Campinoti , Sindaco di Certaldo e Presidente Nazionale dell’associazione  Avviso Pubblico, il Sostituto Procuratore di Firenze Filippo Focardi, esponenti  della Fondazione Caponnetto e di Libera, e il Sindaco di Zavorrano, Elisabetta Iacomelli.

Il Festival Teatro delle Rocce è organizzato dal Laboratorio GavorranoIdea, Istituzione del Comune di Gavorrano, con la collaborazione di Provincia di Grosseto, Regione Toscana, Parco nazionale tecnologico delle Colline metallifere e l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Si svolge a Gavorrano, in un particolarissimo e suggestivo spazio recuperato all’interno di una ex cava con il progetto del Parco minerario. Un sito denso di significati dove storia locale, arte e cultura trovano un punto di incontro e di riflessione. Il senso del progetto è l’interazione con il territorio minerario di artisti vari, della parola, del racconto, della musica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.