Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accusa di terrorismo per i No Tav: indagato anche un maremmano

Più informazioni su

di Barbara Farnetani

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Attentato per finalità terroristiche o di eversione. È questa l’accusa contestata ad alcuni attivisti No Tav ritenuti responsabili dell’assalto al cantiere di Chiomonte, in provincia di Torino. Tra i 12 indagati anche un ragazzo di Castiglione della Pescaia.

Questa notte sono scattate le perquisizioni degli agenti della Digos nelle abitazioni e nei locali di riferimento del movimento: a Torino, Bussoleno, Brusasco, Susa, San Mauro e appunto in provincia di Grosseto, a Castiglione della Pescaia. L’ipotesi di reato contestata è particolarmente grave, e prevede sino a 20 anni di reclusione.

Le indagini, condotte dai pm Andrea Padalino e Antonio Rinaudo, hanno seguito il sul blitz al cantiere Tav che avava fatto segnare una vera e propria escalation di violenza, con lancio di razzi, bombe carta, sassi e molotov.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.