Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consegnate le borse di studio per le eccellenze ai ragazzi delle scuole superiori

Più informazioni su

GROSSETO – Con la chiusura dell’anno scolastico sono state consegnate, presso l’istituto Alberghiero, le borse di studio per l’eccellenza nate da un’idea del Soroptimist e realizzate grazie alla compartecipazione della Camera di Commercio e di Rete Imprese Italia: cinque riconoscimenti intitolati ad Anna Maria Briganti, presidente del Soroptimist, mancata improvvisamente lo scorso anno, che si è sempre impegnata per i giovani, per offrire loro nuove prospettive e buone opportunità. Lo ricorda l’attuale presidente, Anna Genni Miliotti, che di questa iniziativa è l’ideatrice: «Sono fortemente convinta che dare un’occasione di formazione ai giovani che si avviano al mondo del lavoro sia vincente e credo sia il giusto ruolo di quell’associazionismo che vuole contribuire alla crescita della società».

A credere nel progetto aumentando il numero delle borse di studio da una a cinque Gianni Lamioni, presidente della Camera di Commercio: «Il riconoscimento alle eccellenze in un territorio di eccellenze rappresenta un connubio perfetto. E il prossimo anno sarà bene aumentare il numero delle borse di studio: almeno 10». Michela Hublitz, presidente di Rete Imprese Italia ha affermato: «Sono orgogliosa di avere contribuito al conferimento di queste borse di studio che sono uno strumento magnifico per far crescere quei giovani “meritevoli”, per migliorare il loro livello di professionalità e nello stesso tempo promuovere il nostro territorio. È giusto che le eccellenze vengano riconosciute e sostenute da associazioni di imprenditori per dare ai giovani di oggi la speranza di un futuro migliore»

I veri protagonisti della serata, presentata da Rita Martini, sono Francesco Senzacqua, 19 anni, che ama cucinare soprattutto antipasti e primi piatti: «Voglio diventare il miglior chef del mondo e sono convinto che questo stage mi offrirà una bella esperienza». Lorenzo Giannetti è invece atteso da un’estate di lavoro nel ristorante che gestiscono i suoi genitori ma un corso presso la Boscolo lo gratifica «perché è un’esperienza che mi permetterà di imparare ancora di più e meglio il mestiere».

Davide De Piero Peretti, sogna di diventare il capo chef su una grande nave da crociera e soprattutto immagina il suo futuro lontano dall’Italia. Mariagrazia Campisi è una delle due donne premiate: «Ho avuto la passione della cucina fin dall’infanzia quando vedevo in casa le mie zie preparare la pasta all’uovo. Ero affascinata: i preparativi della cucina e i grandi pentoloni sui fornelli. Cosa vedo nel mio futuro? Spero di diventare una grande chef e sono felice di aver vinto questa borsa di studio che mi permette di mettere più a fuoco quanto ho imparato a scuola». Ricordi di famiglia anche per Beatrice Merlin: «I miei genitori hanno una pasticceria e sogno di rimanere in questo settore migliorando quello che babbo e mamma hanno già costruito».

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.