Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tre imprese maremmane premiate a Roma per innovazione e competitività

Più informazioni su

ROMA – Si è svolta questa mattina a Roma la Cerimonia di Premiazione della VI edizione del Premio Imprese per Innovazione, iniziativa promossa da Confindustria con il sostegno della Fondazione Giuseppina Mai e Poste Italiane e in collaborazione con APQI – Associazione Premio Qualità Italia per valorizzare e diffondere la cultura dell’Innovazione a 360° e dell’eccellenza, per la competitività e lo sviluppo del sistema Paese. Tra le 20 aziende vincitrici, premiate anche tre aziende della nostra provincia: si tratta di Opus Automazione Spa di Follonica Nuova Solmine Spa e Sol.Bat. Srl di Scarlino.

Questa iniziativa lanciata da Confindustria intende assegnare un riconoscimento ufficiale alle aziende italiane che vogliono emergere e rafforzare le proprie capacità concorrenziali, facendo leva sul livello di innovazione raggiunto, non limitato soltanto a prodotto e processo ma che valorizzi l’organizzazione e la cultura dell’ azienda stessa. Il premio è pensato con finalità strategiche di autoanalisi per l’impresa e si pone come obiettivo la valutazione del grado di consapevolezza cui l’azienda è arrivata. Alla cerimonia ufficiale di premiazione presenti il presidente Giorgio Squinzi, la vice presidente per la ricerca e innovazione Diana Bracco e il vice presidente per le reti di impresa e presidente APQI Aldo Bonomi. Sono intervenuti per le Aziende Stefano Batistini della Opus Automazione Spa, Ottorino Lolini della Nuova Solmine Spa e Dario Lolini della Sol.Bat.Srl, che hanno ricevuto il Premio dalla Vice Presidente Diana Bracco.

«Siamo particolarmente orgogliosi – commenta Antonio Capone direttore della Associazione Industriali Grosseto – che quest’anno ben tre aziende della nostra provincia hanno ricevuto l’importante riconoscimento che Confindustria concede ogni anno alle imprese più innovatrici. Questo è un segnale da cui bisogna partire per tentare di costruire un futuro per il settore industriale e manifatturiero della nostra provincia. Siamo infatti convinti che nel nostro territorio non mancano le qualità imprenditoriali ed organizzative per competere con le sfide che il futuro ci presenta».

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.