Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Teatro, arte, musica: sull’Amiata torna il festival Toscana delle culture

AMIATA – Torna anche quest’anno il festival Toscana delle culture, una serie di eventi che interesseranno vari comuni dell’amiata, da Castell’Azzara a Cinigiano, da Santa Fiora a Castel del piano passando per Arcidosso. Nonostante i tagli afferma il direttore del laboratorio internazionale di teatro, musica e arti visive, Giorgio Zorcù «bisogna pensare al futuro, anzi disegnarlo, e per questo abbiamo cercato di coinvolgere artisti e intellettuali di tutto il mondo sul nuovo concetto di Residenza artistica: ne discuteremo in un Convegno internazionale a cui arriveranno ospiti dall’Italia, dall’Europa, dall’Asia e dall’America».

Programma:

Si inizia domenica 28 luglio, alla Villa Sforzesca di Castell’Azzara, con la marionettista Laura Bartolomei, artista romana che vive ad Acquapendente e da anni è acclamata in tutto il mondo con le sue sorprendenti marionette da polso. La sua compagnia La capra ballerina presenterà Dorme, fresco di vittoria al Fringe festival di Spoleto.

Lunedì 29 e martedì 30 luglio invece è la volta di Santa Fiora, con un esperimento di Teatro nelle case, con cui la nostra compagnia e la senese La Lut avviano una collaborazione tra le Residenze artistiche di Grosseto e Siena. Sono due spettacoli per poco pubblico, in cui è richiesta la prenotazione obbligatoria: il 29 “a casa di Rita” Accademia Amiata Mutamenti presenta Il porto sepolto, recital di Sara Donzelli sulle poesie di Giuseppe Ungaretti e Dianella Selvatico Estense; il 30 “a casa di Emilia e Roberto” La Lut presenta L’uomo nell’armadio di Ian Mc Ewan, con in scena UgoGiulio Lurini.

Mercoledì 31 luglio sarà il magico scenario di Castel Porrona, sotto Cinigiano, ad ospitare Lettera di bambola. Lettera del soldato, due bellissimi pezzi teatrali scritti dall’autrice grossetana Barbara Nativi, prematuramente scomparsa otto anni fa dopo una carriera teatrale di successo. A portarli in scena Silvia Guidi, l’attrice fiorentina per cui sono stati scritti, e Michele Andrei. Da segnalare che lo spettacolo, nonostante parta da figure fiabesche, non è adatto ad un pubblico bambino.

Giovedì 1 agosto al Teatro degli Unanimi di Arcidosso è la volta di uno spettacolo cult: il pluripremiato Finale di partita di Samuel Beckett messo in scena dal Teatrino Giullare: uno straordinario spettacolo per attori e marionette che fece scalpore alla sua apparizione nel 2007 e da allora è in tour in tutto il mondo.

Venerdì 2 agosto al Teatro Amiatino di Castel del Piano un’altra compagnia pluripremiata: i giovani bresciani di Carrozzeria Orfeo con il loro Sul confine, vincitore del Premio Dante Cappelletti del 2012; la compagnia si è aggiudicata il Premio della Critica dello scorso anno e il Premio SIAE come migliore realtà giovane di quest’anno, consegnato da Franca Valeri.

Sabato 3 agosto a Palazzo Nerucci di Castel del Piano, dalle 11 alle 16, è la volta dell’Incontro Internazionale Le Residenze Artistiche di Teatro nel Mondo, con esperienze e testimonianze da Italia, Europa, America e Asia. Il festival Toscana delle Culture diventa la prima occasione di incontro e di scambio di una vasta rete mondiale con alcune delle più interessanti realtà italiane di residenza artistica, favorendo un confronto sulle diverse modalità ed esperienze con cui nel mondo si declina il concetto di Residenza artistica per le arti del teatro.

Domenica 4 agosto nella suggestiva Piazzetta degli Orti di Seggiano Elena Guerrini, accompagnata dalla fisarmonica di Andrea Geri, conclude il festival con il suo cavallo di battaglia Orti insorti, piccolo spettacolo che da anni gira nei maggiori festival e teatri italiani.

Tutti gli spettacoli sono assolutamente da non perdere: iniziano alle 21.30 e sono ad ingresso gratuito.

Informazioni e prenotazioni: Accademia Amiata Mutamenti 335 5311591, www.accademiamutamenti.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.