Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tares: 4 rate per la tassa sui rifiuti. A breve nelle case arriveranno i bollettini

Più informazioni su

SCARLINO – Quattro rate, da pagare tra fine luglio e fine novembre. È quanto stabilito dal comune di Scarlino per il pagamento della Tares, la tassa sui rifiuti che sostituisce la Tarsu. La prima rata ha scadenza 31 luglio, la seconda 31 agosto e la terza 30 settembre, a titolo di acconto; la quarta con scadenza 30 novembre, a titolo di saldo. Gli avvisi di pagamento contenenti gli importi da corrispondere e le modalità di versamento delle prime tre rate di acconto saranno recapitati nei prossimi giorni direttamente dal Comune di Scarlino e non più da Equitalia Spa.

Il versamento dovrà essere effettuato esclusivamente utilizzando i modelli F24 precompilati allegati agli avvisi di pagamento, pagabili presso qualsiasi sportello bancario e/o postale, senza nessuna aggravio di spesa. Successivamente, presumibilmente entro i primi giorni di novembre, verranno inviati gli avvisi di pagamento relativi alla rata a saldo scadente il 30 novembre 2013.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giampaolo Ciurli

    al fine di eliminare il metro quadrato come impropria e ingiusta unità di misura per il calcolo della tassa sulla produzione dei rifiuti urbani, propongo un metodo pratico, efficace e equo per il calcolo della relativa tassa e la riduzione dei rifiuti stessi:
    Sulla totalità dei beni in commercio venga applicata un’imposta “smaltimento rifiuti”:

    qualità e durabilità dei beni

    Ad ogni bene entrato in commercio si attribuisca un valore di smaltimento ovvero un “peso” di smaltimento . Ciò vuol dire che alla fine del suo “servizio”, il bene impegnerà l’attività di smaltimento in base al componente , alla struttura e alla durabilità. Si preveda dunque di distinguere i beni in varie categorie: ai beni biologici sarà applicata l’aliquota smaltimento più bassa, ai beni di plastica o di dispendioso smaltimento sarà applicata l’aliquota più alta. Al momento dell’acquisto, nelle casse dei supermercati, mercati, attività al dettaglio e all’ingrosso, saranno così riscossi (addirittura in anticipo sull’effettivo invio allo smaltimento) i proventi che verranno poi versati all’Amministrazione di Competenza. Le A. C. così disporranno dei denari per affrontare la spesa di smaltimento che i suddetti beni richiedono. Chi fa acquisti di qualsiasi merce sà che deve pagare qualcosa per lo smaltimento sia dell’incarto sia del bene stesso, che prima o poi finiranno in discarica e al trattamento. Più si consuma, più si paga, meno si consuma, meno si paga: come l’Iva, la paga l’ultimo che il bene lo gode. Oggi lo smaltimento delle merci è un problema sociale ed è giusto che paghi chi le merci le consuma, e in equa misura. Non si spiega cosa c’entri il metro quadrato con le spazzatura: case grandi non equivalgono a famiglie grandi, case piccole non equivalgono a famiglie piccole, ambienti di lavoro grandi non equivalgono a grandi quantità di rifiuti, ambienti di lavoro piccoli non equivalgono a piccole quantità di rifiuti; e poi la quantità non equivale a difficoltà di smaltimento.

    costi – benefici

    Il cittadino acquisterà beni con confezioni “più intelligenti” per lo smaltimento perché li pagherà meno o risparmierà sulle confezioni razionali. Le bucce di pera avranno un’aliquota bassa, le plastiche un’aliquota alta. Chi meno consuma, meno contribuisce all’accumulo di rifiuti e meno pagherà.
    Il cittadino pagherà cifre equilibrate ai consumi e non in base alle superfici calpestate di dove abita o di dove lavora, pur pagando un canone base poiché il Servizio Nettezza Urbana ispezionerà anche i cassonetti vuoti (pensiamo alle località turistiche nei mesi di bassa stagione).
    L’Amministrazione riscuoterà denari di smaltimento anche dalle utenze di passaggio (turisti) che consumando e producendo immondizia nei luoghi visitati non sono soggetti a tasse smaltimento.
    Il beneficio tratto dalla comunità a livello ecologico ci sarà semplicemente perché si eviteranno i comportamenti perversi che l’attuale unità di misura (il Mq) comporta: “tanto devo pagare quindi getto senza criteri”.