Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifondazione dice no all’autostrada. «Manteniamo l’Aurelia, no alla Sat»

FOLLONICA – Rifondazione Comunista ribadisce la sua contrarietà al tracciato autostradale che dovrebbe trasformare il corridoio tirrenico tra Cecina e Civitavecchia. Dal circolo Che Guevara di Follonica Rifondazione tonra sui temi del “no” rispetto all’ipotesi di realizzare un’atuostrada chiedendo che venga mantenuta l’Aurelia a 4 corsie.

«Emerge chiaramente che tutti, accetteranno sostanzialmente che una società privata si appropri di un bene comune quale la strada Aurelia a 4 corsie, già esistente, e si reliazzerà sulla stessa una nuova viabilità, non ritenuta necessaria e che comunque sarà pagata nuovamente dai cittadini, attraverso i pedaggi e le eventuali integrazioni dello Stato alla scadenza della concessione».

«Molte delle amministrazioni locali, interessate dal progetto poi, o sono favorevoli per condiscendenza verso il PD, unico partito che ha voluto a tutti i costi abbandonare il progetto ANAS del 2001 (economico e di facile realizzazione) per riaprire nuovamente le porte alla SAT, o tacciono, forse ritenendo politicamente non conveniente contrastare Provincia e Regione».

«Noi del Prc che eravamo presenti al convegno di Orbetello del 6 luglio “Autostrada Tirrenica, le molte ragioni del no” dove i relatori e alcuni Sindaci presenti si sono dichiarati contrari alla realizzazione di tale privatizzazione, riteniamo fondamentale rispettare le volontà della Comunità Europea, mantenendo l’attuale tracciato dell’Aurelia a 4 corsie, magari rendendone maggiormente sicura la percorrenza e, contemporaneamente, rivalutando il trasporto ferroviario e marittimo delle merci».

«In questa prospettiva chiediamo all’Amministrazione Comunale di Follonica di assumere con forza una chiara e precisa posizione a favore dei cittadini contro il progetto autostrada che contribuirà a creare aumenti dei costi delle merci, complicazioni estreme sulle viabilità secondarie e, non ultimo, creerà un degrado del paesaggio».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.