Quantcast
Politica

Ricorso contro il voto a Gavorrano. Marras: «Si usa via giudiziaria negando il risultato delle urne»

leonardo_marras_2012_08mod

GROSSETO – Tra le prime reazioni alla notizia della presentazione del ricorso al Tar contro per le presunte irregolarità della lista di Elisabetta Iacomelli, risultata vincente con il 49% dei consensi, sono arrivate le parole di Leonardo Marras (nella foto). Il presidente della provincia di Grosseto ha affidato il suo pensiero scrivendo un post sul suo profilo Facebook. Poche parole per esprimere una giudizio negativo sul ricorso al Tar e sull’utilizzo della «la via giudiziaria al potere».

Parole nette e perentorie quelle di Marras che suonano come una bocciatura politica della scelta messa in campa della lista “Gavorrano Bene Comune” guidata dall’ex candidato sindaco Massimo Borghi.

«Leggere del ricorso al TAR per le elezioni di Gavorrano mi ha fatto male – scrive Marras -. Male perché si colpisce un mio assessore, Cinzia Tacconi, che ha autenticato le firme come è successo molte altre volte, qui e in Italia, anche alle ultime amministrative. Male perché si usa la via giudiziaria al potere, negando di riconoscere il risultato democratico delle urne, quando invece anche nella vicenda precedente dell’ineleggibilità, limite espressamente previsto dalla legge, la politica ha evitato di ricorrere ad altri strumenti riconoscendo pubblicamente la volontà popolare come deve essere sempre. Male perché quella comunità, per anni amministrata con dinamismo, progettualità e capacità di buon governo, desidera e merita serenità e pacificazione invece di perpetrare lotte e bagarre tra protagonisti ostinati e mai domi, da ormai più di 30 anni».

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI