I boschi come risorsa per rilanciare il territorio: le Colline Metallifere ci credono

MASSA MARITTIMA -Si terrà venerdì 21 giugno dalle 9,30, nel Palazzo dell’Abbondanza a Massa Marittima, si l’incontro pubblico dedicato a “La gestione sostenibile dei boshi delle Colline Metallifere”. Saranno presenti il Presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras, il Presidente dell’Unione e Sindaco di Massa Marittima Lidia Bai, i Sindaci del territorio, i responsabili nazionali degli enti di certificazione forestale.

L’incontro è parte del percorso di certificazione forestale (schemi PEFC e FSC) di tutto il patrimonio regionale presente nei comuni di Massa Marittima, Monterotondo Marittimo e Montieri, in gestione all’Unione di Comuni montana Colline Metallifere. L’Unione, che ha già certificato i complessi forestali di Valpiana, Montebamboli/Marsiliana e Frassine, intende estendere la certificazione anche ai boschi dei Poggi di Prata, del Pavone del Milia e di Montarsenti. Il raggiungimento dell’obiettivo farebbe dell’area, che supera gli 11mila ettari di estensione, una delle più grandi superfici forestali italiane gestite secondo i principi della selvicoltura sostenibile.

La tavola rotonda costituirà in ogni caso un’occasione non solo per gli operatori del settore forestale, ma anche per quelli del comparto turistico e per tutti i fruitori del bosco, di conoscere le potenzialità di questo grande patrimonio pubblico e le attività che l’Unione di Comuni promuove al suo interno.

Il bosco rappresenta un’importante risorsa per le Colline Metallifere sia per le attività produttive in senso stretto e i numerosi addetti che coinvolge sia per le grandi qualità ambientali e paesaggistiche che esprime e che bene si integrano con le presenze storiche e archeologiche del territorio.

Oltre alle caratteristiche ambientali e selvicolturali degli habitat saranno illustrati i primi risultati del monitoraggio faunistico che sta evidenziando la ricchezza di specie animali anche particolarmente rare del territorio e le sperimentazioni in corso per la valorizzazione delle specie forestali. Il dibattito conclusivo costituirà l’occasione per porre domande e formulare proposte alle amministrazioni e ai tecnici.

Commenti