Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo nautico: Cestini con prodotti tipici per dare il benvenuto ai diportisti

GROSSETO – Il benvenuto ai diportisti si dà con un cestino. Questa l’idea della Provincia di Grosseto per promuovere i prodotti del territorio verso chi, in Maremma, ha deciso di approdare per trascorre le proprie vacanze (nella foto Roberto Santini, direttore di Grosseto Export, e l’assessore Gianfranco Chelini con il contenuto del cestino di benvenuto).

400 pacchi sono già pronti con un campione di assaggi selezionati, rappresentativi della produzione enogastronomica locale di qualità, per essere consegnati ai diportisti che approderanno nei porti della provincia grossetana. Nel cestino, anche una serie di dépliant e materiale informativo sui prodotti, il territorio e la nautica made in Maremma. Il servizio sarà realizzato grazie al supporto logistico del Consorzio Grosseto Export, che detiene un patrimonio di rapporti consolidati con il sistema produttivo locale.

“Fare dono di questi cestini di benvenuto non è soltanto una forma di cortesia – spiega Gianfranco Chelini, assessore all’Economia del mare e alla Promozione territoriale della Provincia di Grosseto –: è, soprattutto, un modo concreto per far apprezzare l’eccellenza enogastronomica che il nostro territorio sa esprimere. Ma non solo: il materiale informativo contenuto nel cestino vuol far conoscere anche il nostro bellissimo entroterra. È un invito, a chi arriva per mare, a visitare anche il resto della provincia”.

L’idea rientra nel più vasto progetto di cooperazione transfrontaliera Italia – Francia “Marittimo” e, più in particolare, nel progetto strategico Tpe (Tourist Ports Environnement) col quale la Provincia di Grosseto intende favorire la mobilità dei turisti nautici verso i porti dell’area transfrontaliera e potenziare il ruolo dei porti turistici come “porta di accesso” al territorio.

“La Provincia di Grosseto ha sempre riconosciuto una grande importanza alle strutture portuali e al sistema di servizi che si sviluppa intorno ad essi – continua Chelini – e proprio grazie al Tpe siamo riusciti a mettere in rete tutti i porti del territorio, convogliando le diverse energie. Si tratta di una scelta che valorizza il nostro primato, dato che la Maremma può vantare oltre il 50 per cento dei posti barca per la nautica da diporto di tutta la Toscana. Nella nostra visione, i porti sono veri e propri hub di accesso e di promozione: teste di ponte per la conoscenza dell’entroterra”.

Le oltre 40 aziende che propongono questi prodotti hanno unito le loro forze in una virtual organization, rete informale di imprese per migliorare la qualità della propria offerta e la propria relazione con la clientela, animata dal Consorzio Grosseto Export. La consegna dei cestini di benvenuto avverrà direttamente nei porti, appena i natanti avranno attraccato alla banchina, e sarà effettuata in collaborazione con i porti stessi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.