Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aree Peep, Fratelli d’Italia: «Inopportuna la presenza del Difensore civico»

FIRENZE – «Il Difensore civico è davvero un organo super partes, che deve tutelare e garantire i diritti dei cittadini, oppure può cambiare opinione dietro una semplice sollecitazione di esponenti di una parte politica? Ed è usuale che prenda parte a conferenze stampa contro l’opposizione politica e i cittadini che ne avevano chiesto l’intervento?». Se lo domanda Giovanni Donzelli, presidente del Gruppo regionale di Fratelli d’Italia, in una lettera indirizzata al presidente Monaci in cui chiede la convocazione urgente in aula del Difensore civico regionale Lucia Franchini. A Donzelli non è andata giù la tanto sbandierata presenza della Franchini nella conferenza stampa, che si è tenuta ieri, da parte dei vertici del Comune per ribattere alle osservazioni mosse dalle locali opposizioni, Fabrizio Rossi di Fratelli d’Italia per primo.

La vicenda è nota. Il comune di Grosseto ha deliberato l’aumento, nella misura di tre volte, del riscatto del diritto di superficie per le abitazioni nelle aree Peep, scatenando la reazione di molte centinaia di cittadini che si sono rivolti al Difensore civico per vedere salvaguardato il proprio diritto all’applicazione meno onerosa possibile del corrispettivo da versare. «Nel parere inviato dalla Franchini al sindaco di Grosseto, di fatto, viene smentito  l’operato del comune stesso, cosa che, evidentemente, non dev’essere piaciuta al vicesindaco ed all’assessore alla casa, che hanno chiamato a partecipare alla conferenza stampa anche la Franchini – sottolinea Donzelli -. Quest’ultima, tuttavia, nel tentativo di spiegare le proprie motivazioni, quando in merito aveva già redatto un parere ufficiale, ha finito per dare come una sorta di interpretazione autentica, confermando le precedenti osservazioni in cui sconfessava pesantemente il comune».

«Senza entrare nel merito delle questioni tecniche, che troveranno adeguato spazio in successive iniziative – conclude Donzelli -, quello che oggi mi preme stigmatizzare è l’inopportunità dei comportamenti tenuti dal vicesindaco e dall’assessore alla casa del comune di Grosseto e dal Difensore civico regionale. Non mi sembra un bel modo di interpretare il proprio ruolo di figura terza, garante dei diritti dei cittadini, nei confronti delle istituzioni».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.