Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

ArgentarioL@b chiede le dimissioni di Sabatini: è una questione di dignità e correttezza

MONTE ARGENTARIO – «Riteniamo che Sabatini si debba dimettere». Dopo il voto a Monte Argentario arriva l’analisi politica del coordinatore di ArgentarioL@b Gianluca Gozzo che prosegue «se il rapporto tra il territorio e le istituzioni provinciali che ci rappresentano deve essere quello del “tanto peggio, tanto meglio”, preferiremmo che a rappresentare la zona sud fosse qualcun altro. E non ne facciamo una questione di partiti, di alleanze o di equilibri provinciali interni al Pd o al centrosinistra. Ma di correttezza e dignità politica».

Parlando del voto Gozzo afferma: «Volevamo fare le primarie, ma solo la segretaria provinciale del pd era d’accordo. Volevamo essere (e lo siamo stati) inclusivi, ma altri hanno preferito escludersi. Tuttavia nella difficoltà del poco tempo rimasto a disposizione, molti di noi c’hanno messo la faccia insieme a Sandrelli, che ringraziamo per la disponibilità, e da oggi nuovi consiglieri comunali, per la maggior parte di ArgentarioL@b, si prendono la responsabilità dell’opposizione. Ci auguriamo, però, che anche altri si prendano le proprie responsabilità, perché purtroppo, nella difficoltà della campagna elettorale, alcuni degli auto-esclusi hanno preferito dimostrare ostilità nei nostri confronti. Emblematico il comportamento del vicepresidente della provincia, il cui partito è voluto entrare nel dibattito locale di maggio, naturalmente a gamba tesa nei confronti della nostra lista, e rammaricandosi della mancata accettazione della sua candidatura a sindaco».

E Gozzo conlude: «Riteniamo che il Sabatini si debba dimettere, come già avrebbe dovuto fare quando la Provincia di Grosseto e il Comune di Monte Argentario firmavano il protocollo sull’Argentario Golf, mentre egli, uomo a piombo, assessore al governo del territorio ed eletto nel comune interessato, espresse tutta la propria contrarietà all’intervento, non riuscendo, quantomeno, a modificarlo».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.