Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, Lega Pro: Il Gavorrano supera l’Hinterreggio. Vetrini: «Padroni del nostro destino»

di Lorenzo Falconi

GAVORRANO – Il Gavorrano batte per 2-1 l’Hinterreggio e si aggiudica la gara di andata del primo spareggio play-out. Ora i minerari hanno a disposizione due risultati su tre per superare il turno, possono infatti vincere e pareggiare nella trasferta del Granillo di Reggio Calabria, in programma domenica prossima. «Ovvio che queste sono partite che si giocano nell’arco di 180 minuti, però oggi abbiamo fatto il nostro dovere. – spiega il direttore sportivo del Gavorrano Filippo Vetrini -. Ora toccherà all’Hinterreggio fare la partita. Siamo tornati padroni del nostro destino. Troveremo un ambiente caldo, sono sicuro, per questo è importante che venga garantito il regolare svolgimento della partita. La nostra è una squadra che ha tutte le carte in regola per poter far bene, il campo del Granillo è grande e noi siamo in salute, mentre l’Hinterreggio mi è sembrata squadra compassata».

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente Paolo Balloni: «Oggi abbiamo ottenuto un bel risultato, il cuore è quello di Sebastiano Miano, capitano di mille battaglie e anche uomo di pessore che non molla mai, accanto a lui, tutti i ragazzi sono stati magnifici. Per la trasferta di Reggio Calabria, mi auguro la stessa attenzione da parte delle Lega e la stessa sportività di oggi. Vogliamo che ci siano le garanzie per giocare a calcio». L’allenatore dell’Hinterreggio Antonio Venuto, invece, spera nel ribaltone di domenica prossima: «Se contiamo le opportunità da rete poteva finire in parità, così non è stato e quindi faccio i complimenti al Gavorrano, una buona squadra, molto forte dalla cintola in su e che forse mertiava la salvezza diretta al pari nostro. Per il discorso qualificazione nulla è compromesso, basta vincere a Reggio. Sono fiducioso per i mezzi della mia squadra. L’espulsione di Khoris? Una ingenuità del giocatore che ha applaudito il direttore di gara. Gesto da punire, anche se in gare come questa, con un po’ di elasticità si può estrarre anche il semplice cartellino giallo».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.