Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Italia al voto, tra il pensiero di Gramsci e i sondaggi di Comodo

Più informazioni su

GROSSETO – “Il voto 2013 e i suoi effetti, fotografia sociopolitica dell’Italia attuale” è questo il titolo dell’incontro di domani, venerdì 24 maggio alle ore 17 presso la sede Fondazione Bianciardi. Sottotitolo “Conversazione virtuale tra Antonio Gramsci e Luca Comodo sondaggista IPSOS”. «Diciamo di vivere in una società complessa e così facendo non solo speriamo di definire, ma cerchiamo anche di consolarci rispetto alla nebulosità degli orizzonti attuali, quasi una conseguenza necessaria, un male inevitabile». Afferma il consigliere regionale del Pd Lucia Matergi. «E probabilmente proprio questo atteggiamento rinunciatario è uno dei supporti più vigorosi dello stato di malattia del nostro mondo o per lo meno lo è rispetto alla crisi epocale dei partiti politici e della politica in generale, che sta abdicando rispetto al suo ruolo di interprete e organizzatrice di una società che oggi è sì complessa, ma non per questo inguaribile».

«Meglio cercare di indagarla, di cogliere le differenze rispetto a un passato nemmeno troppo lontano, di trovare obiettivi coerenti con l’oggi senza per questo deperire semplificando e omologando – afferma ancora Matergi -. Elezioni 2013, i sondaggi hanno letto un’Italia che non c’era, almeno una parte di questa Italia che ha dichiarato qualcosa e ha votato altro. Per vergogna? Per incertezza? Per rabbia? Pere curiosità? Forse per tutte queste ragioni insieme e perché se Antonio Gramsci al suo tempo seppe scardinare le categorie sociali proponendo la sua idea di blocco sociale e imperniando su questa la sua proposta politica, oggi quel blocco non lo distinguiamo più, sommerso dai flussi, dalle fluttuanze, dall’azzeramento delle diversità. Come essere di nuovo gramsciani al tempo dei sondaggi traditi? Perché siamo convinti che la lezione di Gramsci sia oggi più necessaria che mai».

per info: www.matergi.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.