Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mabro, Fratelli d’Italia: «Il consiglio regionale ha votato la Prodi bis, ora facciano qualcosa»

GROSSETO – Il consigliere comunale di Fratelli d’italia Fabrizio Rossi, torna sulla vicenda Mabro, esprimendo preoccupazione per il tempo che sta trascorrendo inutilmente in attesa di una soluzione che tarda ad arrivare e, al tempo stesso, invita il governatore Enrico Rossi a fare chiarezza su di una vertenza che la Regione Toscana conosce molto bene. «Ritardi su ritardi, se 2/3 dei lavoratori vogliono la Prodi bis, il 100% del consiglio regionale ha votato la mozione presentata dai consiglieri regionali di Fratelli D’Italia, Giovanni Donzelli, Paolo Marcheschi e Marina Staccioli del gruppo misto, è ora che la Regione faccia qualcosa».

«Il governatore Rossi – prosegue il consigliere comunale -, anziché polemizzare con le lavoratrici che sono preoccupate per il loro futuro, utilizzi l’ultimo brandello di credibilità per porre fine alla “sua creatura “, targata Barontini e si adoperi per salvare l’azienda che l’imprenditore pratese, sponsorizzato dai vertici regionali, sta finendo di distruggere. Non ci posso essere più tatticismi o infingimenti di sorta. La regione Toscana certifichi il fallimento delle sue scelte e, insieme a Provincia e Comune di Grosseto, si adoperi affinché l’attuale proprietà esca di scena».

L’ultima stoccata, Fabrizio Rossi, la piazza in merito alla questione del ruolo delle fiduciarie. «La disciplina del decreto legislativo 8 luglio 1999 n. 270 garantirebbe un periodo transitorio nel quale si potrebbe aprire qualche spiraglio per una nuova soluzione, volta a salvaguardare l’occupazione e le famiglie coinvolte. Regione e Fidi Toscana ci svelino il ruolo delle fiduciarie che stanno dietro ad abbigliamento Grosseto. Dicano alle vestaglie azzurre e a tutta la città quale sarà il loro futuro e da quale parte stanno».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.