Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Boccata d’ossigeno per l’agricoltura: sospesa Imu su terreni e fabbricati. Cia: «Siamo soddisfatti»

Più informazioni su

GROSSETO – Il Consiglio dei Ministri ha varato oggi il primo provvedimento in termini di riforma dell’imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare, sospendendo la rata di giugno dell’Imu sulla prima casa, sui terreni ed anche sui fabbricati rurali.

“La Cia di Grosseto esprime la propria soddisfazione per un primo decreto, varato dal governo Letta, che blocca il pagamento dell’imposta municipale propria della rata di giugno per terreni e fabbricati rurali – dichiara il Presidente, Enrico Rabazzi – è un primo importante passo verso una rivisitazione dell’imposizione fiscale a carico delle imprese agricole, in grave sofferenza da anni.

Una sospensione che auspichiamo – continua il Presidente – giunga anche per i fabbricati strumentali, quali capannoni, stalle e rimesse attrezzi, senza i quali gli imprenditori agricoli non possono svolgere la loro attività.”.

Un primo traguardo verso una riforma complessiva del regime fiscale delle imprese agricole, che dovrà riguardare anche la tassazione delle società di capitali che il governo Monti aveva trasformato da imposizione in base al reddito catastale a soggette a tassazione a bilancio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio

    l’IMU andrebbe levato a tutti i beni strumentali di qualunque attività, quando c’è da prendere i soldi sono come quelli di proprietà dei privati, quando c’è da venderli pagano l’IRPEF come plusvalenza, l’IVA e neanche al valore residuo ma a quello pieno