Quantcast

Torna la sagra del tortello di Poggioferro: evento ecosostenibile e unico nel genere foto

Più informazioni su

POGGIOFERRO – Una sagra che vanta 43 anni di tradizione, ma al tempo stesso un evento gastronomico tra i più attesi in provincia di Grosseto, grazie alle novità messe sul piatto e al concetto di innovazione. Il prossimo fine settimana (11 e 12 maggio) un piccolo paese sarà in festa. Poggioferro, nel Comune di Scansano, si prepara a vivere l’evento della sagra del tortello all’insegna di ambiente, tradizione e qualità, tutte caratteristiche uniche nel genere. L’aspetto ecologico e la filiera corta, rappresentano l’idea vincente che gli organizzatori portano avanti da ormai tre anni. L’appoggio di Legambiente è divenuto fondamentale, nel corso del tempo, per sviluppare una sagra dal basso impatto ambientale, così come la ricerca di materie prime provenienti dalla Maremma e quindi dal territorio, è portato avanti grazie al sostegno di Coldiretti.

Energie e forze messe in campo al servizio della qualità, aspetto che porta ad una significativa novità in questa edizione. La sagra del tortello numero 43, infatti, avrà il logo della “Toscana Ecoefficiente”, il riconoscimento che la Regione Toscana attribuisce alle pratiche e attività più significative per la gestione intelligente delle risorse ambientali e territoriali, con l’obiettivo di raccogliere le segnalazioni di buone pratiche, diffonderne la conoscenza e sollecitare l’eco-innovazione. Anche la sagra del tortello di Poggioferro, quindi, ha ricevuto il logo di prestigio in questa edizione, in quanto segnalata come evento dalle buone pratiche. Le stoviglie, dunque, sono compostabili, l’acqua proviene dal rubinetto, la raccolta differenziata fa da traino per l’intero Comune, mentre i prodotti sono certificati dalla filiera corta. Aspetti a cui si aggiunge l’immancabile tortello di Poggioferro, una delizia per tutti i palati.

Più informazioni su

Commenti