Quantcast

Inchiesta shock della Finanza: 5 arresti e divieto di dimora per il sindaco foto

Più informazioni su

SORANO – Turbativa d’asta nell’assegnazione delle gare e falso ideologico in atto pubblico. Sono queste le accuse che, dopo una lunga indagini, hanno portato la Guardia di finanza ad eseguire una serie di misure contro imprenditori e amministratori del comune di Sorano. Tra loro anche il sindaco Pierandrea Vanni (nella foto a destra), per cui è stato disposto il «divieto di dimora nel comune».

Le indagini, durate alcuni mesi e coordinate dal comandante provinciale Fernando Greco, hanno visto impegnati sul territorio 100 militari delle Fiamme gialle di Grosseto e Orbetello e dei reparti fuori regione, della Polizia postale di Grosseto e del nucleo di Polizia municipale presso la Procura della Repubblica di Grosseto. 20 le perquisizioni effettuate in Toscana, Umbria, Lazio e Basilicata a carico di 13 persone indagate a vario titolo, 12 delle quali raggiunte da misura cautelare personale.

Per cinque di loro sono scattati gli arresti domiciliari; si tratta del responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Sorano, di due imprenditori del viterbese e di due professionisti di Grosseto. Divieto temporaneo di svolgere qualunque attività d’impresa nei confronti di altri quattro imprenditori coinvolti, mentre sono stati notificati gli avvisi di interrogatorio preventivo a carico di due dipendenti comunali per i quali è stata chiesta dal pubblico ministero la misura cautelare interdittiva della sospensione dal pubblico ufficio. Le misure sono state eseguite questa mattina come disposto dall Procura della Repubblica.

 

Più informazioni su

Commenti