Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Ance chiede all’Europa di sbloccare le risorse del patto di stabilità

GROSSETO – Chiedere all’Unione europea l’approvazione di una misura una tantum che consenta il pagamento di tutti i debiti pregressi in modo da non incidere sul pareggio di bilancio. È la richiesta di Ance e Anci, Associazione Nazionale Comuni Italiani, al Presidente del Consiglio Mario Monti, evidenziando che è necessario un provvedimento d’urgenza da parte del Governo con il quale autorizzi le Amministrazioni locali a sbloccare le risorse necessarie per fare fronte ai propri debiti.

«L’inaccettabile fenomeno dei ritardati pagamenti alle imprese che hanno regolarmente eseguito i lavori – afferma il presidente dell’Ance Andrea Brizzi – è un fenomeno presente anche nella nostra provincia e sta destrutturando il tessuto produttivo del settore delle costruzioni, mettendo a rischio la sopravvivenza delle imprese operanti nel mercato dei lavori pubblici ed estendendo i suoi effetti devastanti su tutta la filiera. Una pratica che crea i presupposti per l’insolvenza di moltissime imprese e la perdita di posti di lavoro. Di fronte a questa emergenza, non c’e’ altra soluzione che pagare tutti i debiti maturati. Da qui la richiesta di adottare un provvedimento di urgenza, che consentirebbe di ristabilire la correttezza nei rapporti con le imprese, evitando possibili fallimenti e garantendo il mantenimento di numerosi posti di lavoro».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.