Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il canile di Scarlino va spostato. Lo chiedono alcuni cittadini

Più informazioni su

SCARLINO – «Il nuovo canile di Scarlino come Guantanamo» lo affermano, in una lettera inviata agli amministratori e alla stampa Roberto Zappa, Donata Boccardi, Cristiana Flamini, Gabriele Cecchini, che dicono di parlare a nome e per conto dei propri cani. Il canile, costruito nella piana industriale del Csone, secondo i firmatari della lettera è «un abbandonato triangolo acquitrinoso stretto tra stabilimenti, ferrovia e strada provinciale d’accesso. Nel raggio di 50 metri abbiamo fabbriche a ciclo continuo, una stazione di trattamento acque con macchinari sempre in movimento, una stazione di pompaggio metano che non si ferma mai, costante passaggio di treni e autoarticolati, ovunque illuminazione sempre accesa, puzza industriale e rumore, tanto rumore, forte, tremendo, pauroso e senza sosta. ogni recluso è esposto alle intemperie, non c’è ombra, non c’è riparo da pioggia e freddo e il vento ha già strappato parte della copertura.
Vi hanno mai parlato del legno e dei pannelli solari?»

«Non c’è un’area esterna di sgambamento – proseguono i quattro firmatari della lettera -, attorno alle reti solo rifiuti e una palude con acqua che non riesce a defluire, un habitat perfetto per zanzare e tutti i tipi di larve e moscerini. In un posto del genere non ci vuole molto a sviluppare turbe comportamentali e malattie quali Leishmaniosi e Filariosi. In un posto del genere come si fa ad “educare la popolazione”: quali famiglie porteranno i loro bambini a passeggiare coi cani nella salubre e amena zona industriale? Nel fango, tra i rifiuti e con metano nell’aria. Chi vuole adottare un cane caratterialmente instabile?» Concludono.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.