Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Comunisti Italiani: L’iniziativa di Arci caccia va estesa a tutte le scuole della provincia

GROSSETO – «Stiamo assistendo ad un attacco vergognoso contro la scuola, l’informazione e l’educazione ambientale. La Lav, dovrebbe occuparsi di chi imbratta i muri della città, prima di parlare di rispetto» i Comunisti Italiani tornano sul tema che da alcuni giorni sta infiammando la provincia di Grosseto. «L’Arci caccia – proseguono i Comunisti Italiani – svolge e ha svolto una importante politica di educazione e informazione, spiegando ai ragazzi delle scuole i comportamenti e le differenze tra le varie specie. Dove è il problema ? forse si tratta del solito pretesto per attaccare i cacciatori e la caccia. I cacciatori, così come i cittadini non cacciatori sono persone oneste e per bene. Che rispettano leggi e regole molto severe. Spesso sono i cacciatori che trovano discariche in mezzo alla macchia di eternit o di montagne di calcinacci abbandonati».

«L’associazione di Di Meo scrive e afferma concetti che dimostrano il proprio fanatismo e la totale disinformazione – sottolineano i Comunisti Italiani -. Infatti è stata approvata la legge n. 96/2010, legge Comunitaria 2009, che con l’articolo 42 ha profondamente inciso sulla legge per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio, nota come legge sulla caccia. La 157 del 1992 è quindi stata modificata recependo gli articoli comunitari. Noi Comunisti sosteniamo la liberta, nel rispetto delle leggi. Nessuno ha insegnato ad uccidere, basta entrare in una delle classi e farsi raccontare dai bambini la verità. Noi attraverso conoscenti sappiamo quanto quelle lezioni siano state utile, per conoscere comportamenti e caratteristiche degli animali».

«Chi è contro la caccia, lo è perché non è mai stato con un cacciatore, si è fatto una idea per sentito dire o perché, è un fanatico che deve imporre a tutti il proprio stile di vita – affondano i Comunisti -. Ci sono cittadini che ogni giorno violentano e/o maltrattano una donna, i propri figli, altri che imbrattano monumenti e muri, altri che gettano nelle nostre macchie ogni tipo di rifiuto… il mondo e la nostra società sono piene di imbecilli e questo accade perché le famiglie spesso hanno problemi e non riescono ad educare i figli, perché la scuola è ridotta al minimo indispensabile. Finalmente a Gavorrano e Scarlino esistono delle iniziative che informano e formano i nostri figli al rispetto degli animali e dell’ambiente e si apre una polemica contro la caccia, è demagogia e i soliti luoghi comuni».

«Posizioni fritte e rifritte, superate e passate di moda che non interessano più nessuno a parte una minoranza che nutre odio e rabbia. Chi vuole adoperarsi per aumentare il grado di istruzione nelle scuole, qualunque associazione, avrà sicuramente le porta aperte della scuola e della società, così come ha fatto l’Arcicaccia. Ribadiamo la nostra totale solidarietà e vicinanza alla Preside, la esortiamo a continuare senza farsi intimidire dagli attacchi inutili e strumentali. Anzi – concludono i Comunisti Italiani -, auspichiamo che questo tipo di iniziative, venga esteso a tutte le scuole della Provincia».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Barzanti

    Chi vuole sempre disponibile al confronto, però se si devono scrivere sciocchezze allora meglio dedicarsi ad altro. Il fucile uccide, anche la polizia, carabinieri, forze dell’ordine usano le armi, eppure, non sono delinquenti, anzi proprio il contrario … chi imbraccia un’arma è una persona sottoposta ad esami quindi molto più stabile ed equilibrata rispetto a chi maltratta i propri figli o le proprie mogli o che magari è contro i gay… se si apre questo tipo confronto ognuno di noi ha mille ragioni per restare fermo sulle propri idee. Molti anni fa i radicali sostenevano che chi voleva entrare in terreni e bochi privati doveva chiedere il permesso e magari pagare l’entrata … esattamente ciò che i comunisti non vogliono ovvero la prorietà privata. Quindi come vedete la coerenza non è un elastico che si applica quando ci fa comodo. Vede Giovanni a me se i cacciatori diminuiscono o aumentano mi interesse come sapere che esistono i vegani … Parto da un concetto molto più alto, rispetto delle leggi dello Stato e dei diritti e le idee di ogni cittadini e associazione. Poi per me lei può mangiare un campo di verdure, così come io posso mangiare prosciutto e salami. Spero però che suo figlio, così come il mio possano decidere liberamente la propria alimentazione senza imposizioni, stessa cosa per le religioni .. la libertà si ha quando si permette agli altri, ma in modo particolare ai nostri figli di decidere senza che qualcuno fin da piccoli li indirizzi in cresime e altro. Per questa è la libertà dell’individuo … Grazie ancora per l’attenzione.

  2. Scritto da Giovanni

    I comunisti parlano tanto di libertà ma dov’è la libertà di un agricoltore che durante il periodo di caccia è addirittura impossibilitato ad accedere alla propria azienda per paura di essere sparato? E i furti subiti durante la caccia? E l’enorme quantità di cartucce non raccolte? E i fuochi accesi nel bosco dove è vietato accenderli? E la rosa dei pallini che sfiora gli operai sotto l’olivo o sotto i castagni a fare la raccolta? E i fuoristrada che anche se non possono, accedono ugualmente nei campi? Ci informiamo molto sulla caccia e sui danni che essa crea e su quali scuse essa usa per continuare a immettere animali nel terriotrio per sparargli. Voi comunisti sostente la libertà a vostro piacimento mi pare, perchè la maggior parte degli agricoltori come anche i cittadini (vedesi manifestazione vietata alla Lav per il rischio di beccarsi una fucilata) per 3 mesi all’anno non sono liberi di stare a casa propria o di passeggiare in campagna.
    Sulla scuola rimango della mia opinione: io non ho bisogno di insegnare a un bambino il rispetto per gli animali, perchè un bambino in quanto umano, ce lo ha già. E ribadisco: chi imbraccia un’arma, deve stare lontano dai bambini, sempre. Anche perchè se un cacciatore conoscesse davvero un animale, non avrebbe mai la voglia di sparargli.
    Infine ripeto che mentre noi non imponiamo il nostro stile di vita ma semplicemente lo diffondiamo con tanto successo visto l’enorme aumento dei vegan e l’enorme diminuzione dei cacciatori negli ultimi anni, sono i cacciatori stessi a poter accedere armati nelle proprietà e imporsi alla volontà del proprietario, limitandone la libertà. I Comunisti Italiani ci danno dei fanatici e ignoranti, ma non siamo certo noi a mietere vittime umane e non ogni anno (32 nel 2012/2013). La caccia è un divertimento violento, pericoloso per tutti e irrispettoso per animali e ambiente e quindi ci auguriamo che a breve venga vietata del tutto.

    Giovanni Di Meo – Associazione d’Idee onlus Grosseto

  3. Scritto da ANTISPECISTI GROSSETO

    Ma cosa dite nell’articolo. Chi rispetta gli animali è un fanatico? Non conoscete la caccia e quindi non potete parlare? La caccia è lecita e quindi non va toccata? Quante Leggi ingiuste vengono criticate dai cittadini e ci si batte per cambiarle. Prendiamo ad esempio la Legge (art. 842 del codice civile emanato nel 1942) che consente ai cacciatori di entrare nelle proprietà private senza autorizzazione. Legge voluta dal fascismo e non ancora modificata. Come fate voi comunisti a difenderla. Se entri in un terreno privato per fotografare un animale rischi una denuncia per violazione di proprietà privata, invece, se entri con un fucile, puoi farlo. E’ assurdo!

  4. Scritto da Marco Barzanti

    — Giacomo ti stimo troppo per prendere sul serio il tuo commento. Non ti far prendere dal fanatismo. Quello che è accaduto è che una associazione seria ha svolto un progetto con la scuola per spiegare le caratteristiche degli animali e i loro comportamenti. Non ricordo l’esistenza di una legge che afferma che solo le associazioni ambientaliste siano le uniche in grado di rappresentare l’ambiente. Anche perchè vi sono alcune organizzazioni che sono a favore degli inceneritori .. ad esempio i cinghiali trovati contaminati dal cesio la colpa è dei cacciatori ? qunati tumori si sviluppano e/o intollerenze alimentari per colpa di insetticidi e pesticcidi negli alimenti di tutti i giorni ? quanti animali muoiono per questi trattamenti ? quindi evitiamo fondamentalismi inutili. Ultima battuta riguarda le elezioni .. i comunisti italiani erano dentro rivoluzione civile è hanno preso quasi 1 milione di voti .. poca roba vero rispetto al PD, PdL, e M5Stelle .. ma non ricordo di aver visto il partito della Lav … e dato che i Verdi erano con Ingroia e Rivoluzione civile devo pensare che anche la Lav rappresenti la stessa percentuale .. Non bene. Come sempre sono a disposizione per un confronto vero sui problemi non sui fondamentalismi e gli eccessi.

  5. Scritto da Giacomo Bottinelli

    State confondendo LAV e Associazione d’Idee.
    Continuate così. Per la serie, poche idee ma confuse… a sostegno dell’1% della popolazione italiana. Non ricordo, come sono andate le ultime politiche per i Comunisti Italiani? Forse non bene? :-)