Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La pineta dopo l’incendio, Legambiente lancia la proposta: Marina modello di sostenibilità

di Daniele Reali

GROSSETO – Marina di Grosseto diventi un esempio per la sostenibilità ambientale. Legambiente lancia le sue proposte per recuperare e valorizzare quel patrimonio culturale e ambientale rappresentato dalla pineta di Marina. Distrutta dal devastante incendio dello scorso agosto, la pineta è al centro di una serie di interventi che mirano alla sua rinascita e in questo contesto Legambiente ha stilato un documento in quattro punti legato  proprio al futuro dell’area boschiva di Marina e del centro urbano di Marina.

«Dobbiamo dare un segnale preciso per quanto riguarda la sicurezza della pineta, un aspetto che noi mettiamo al primo punto – ha detto Angelo Gentili della segretaria nazionale di Legambiente – ma vogliamo ancora valorizzare la pineta dal punto di vista dell’ecosistema e della biodiversità. Per noi quella di Marina è una pineta che dovrà diventare un grande parco, fruibile anche con piste ciclabili per riuscire a dare vita al progetto “Duna Pineta frazione” che farebbe di Marina un modello di sostenibilità ambientale molto importante anche grazie all’integrazione di una mobilità con navette e parcheggi scambiatori. La pineta deve essere tutelata, ma anche vissuto per comprendere il suo valore naturalistico e sociale».

Le proposte dell’associazione ambientalista sono state presentate a Grosseto in occasione di un incontro pubblico che ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle istituzioni che in questo momento si stanno occupando del progetto di “rinascita” della pineta, provincia di Grosseto e comune capoluogo, ma anche dei cittadini di Marina interessati dal futuro della loro cittadina. Presenti insieme ad Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente anche l’assessore allo sviluppo rurale Enzo Rossi, l’assessore all’ambiente Giancarlo Tei e la presidente del Parco della Maremma Lucia Venturi.

Sulle proposte di Legambiente abbiamo realizzato anche una videointervista: GUARDALA.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.